23 Luglio 2024

Acqua: merce da vendere. Appello alla Comunità.

Comunicato Stampa, riceviamo e pubblichiamo, di Movimento 5 Stelle. Da alcune decine d´anni i referendum sono diventati strumento di "umiliazione di massa". Vengono fatti, ma poi se l´esito non è quello desiderato, si trovano degli escamotage per proseguire comunque nella direzione voluta, con buona pace di tutti coloro che hanno partecipato al voto. Il fenomeno non è solo nostrano, ma coinvolge tutta l´Europa. Un caso eclatante fu il voto negativo di Francia e Paesi Bassi al referendum sulla "Costituzione Europea". Per bypassare il "no" del popolo, i potenti cambiarono il nome della Costituzione Europea in Trattato di Lisbona, e tutto prosegui come previsto. Credo che la "pericolosa" Brexit subirà lo stesso trattamento. A breve verranno stipulati identici contratti tra Europa e UK e tutto resterà come prima. Noi Italiani, ovviamente non ci facciamo mancare nulla e seguiamo a ruota la nuova tendenza. Prendiamo in esame il referendum sull´acqua. Nel 2011 i cittadini furono chiamati ad abrogare il decreto Ronchi, che obbligava gli enti locali a mettere a gara anche la distribuzione dell´acqua, oltre che cancellare la voce dalla bollette che garantiva "adeguata remunerazione del capitale investito dai gestori". Sostanzialmente si diceva che l´acqua, essendo uno dei beni primari dell´uomo, non può essere trattato al pari di una qualsiasi altra merce ma deve restare sotto controllo pubblico e fuori dal mercato. A distanza di cinque anni, oltre a non essere cambiato nulla, si è proseguito a grandi passi verso una privatizzazione ancora più stringente. Inutile ricordare che sono proprio i governi considerati di Centro-Sinista a contribuire in modo più efficace alle privatizzazioni. La responsabile "acqua" del ministero dell´Ambiente, Gaia Checcucci, si spinge a sostenere che "il referendum ha abrogato il decreto Ronchi e ora è quindi in vigore il quadro normativo comunitario, che consente dunque la gestione privata, mista o pubblica". Insomma, colpa degli italiani e dei movimenti per l´acqua che hanno abrogato il decreto Ronchi. Mi viene da ridere anche se purtroppo è la realtà. Nel nostro amato Piemonte, dopo l´imprevista elezione di Chiara Appendino del M5S, la tensione è palpabile. Piani di lunga data per "espropriare democraticamente" i beni pubblici potrebbero subire notevoli ritardi. Uno su tutti è proprio il piano di sottrazione delle acque pubbliche dai piccoli comuni che ancora non sono confluiti nel "gestore universale" . La situazione, oltre ad essere grave è anche complessa, perché tutti i quadri normativi degli ultimi decenni sono stati creati proprio per indurre le privatizzazioni. Il M5S crede da sempre nella necessità di risolvere una volta per tutte quello che non ho paura di chiamare "furto dell´acqua". Con la nuova elezione del sindaco di Torino, che è anche presidente della Città Metropolitana, abbiamo la possibilità di combattere per riottenere i beni primari, tra cui l´acqua. Detto ciò il mio è sia un invito sia un appello per creare un fronte comune per fare in modo che il referendum del 2011 venga attuato realmente e non solo formalmente. Sarà una battaglia colossale perché gli interessi in ballo sono enormi, battaglia a cui non possiamo sottrarci.
Pierre Blasotta

-
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Informativa generica ai sensi dell´art. 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali per raccolta dati tramite internet.

In ottemperanza ai principi di correttezza, legittimità e chiarezza, ai fini di dare effettiva tutela alla Sua riservatezza, ai sensi dell´art. 13, comma 1, del "Codice in materia di protezione dei dati personali", ed in relazione ai dati personali da Lei inviati, Le forniamo le seguenti informazioni.

1. Dati oggetto di trattamento: i dati personali oggetto di trattamento sono quelli indicati nel modulo da Lei compilato nella pagina web di registrazione. Si tratta di dati personali facoltativamente conferiti in occasione della interazione di cui si intende essere parte. I dati oggetto di trattamento sono generalmente di natura comune. Nell´eventualità in cui l´interessato dovesse facoltativamente segnalare dati di natura sensibile (mai richiesti) si segnala che i suddetti dati saranno trattati nel rispetto delle particolari cautele definite dal codice privacy (d.lgs 196/03).

2. Finalità del trattamento: il trattamento dei dati personali da Lei liberamente forniti persegue le finalità funzionali all´organizzazione, gestione e partecipazione all´attività e ai servizi offerti di cui intende usufruire, ivi incluse le comunicazioni che si rendessero necessarie al fine di fornirle informazioni riguardanti le modalità di partecipazione. I dati saranno trattati per dare esecuzione a obblighi contrattuali o per adempiere a Sue specifiche richieste. I dati potranno essere archiviati al fine di mantenere i riferimenti e per garantire una adeguata efficienza in caso di eventuali contatti successivi o reclami. I dati personali conferiti potranno essere trattati per la gestione di eventuali contenziosi e per adempiere agli obblighi previsti da leggi, regolamenti o normative comunitarie, nonché da disposizioni delle autorità competenti.


3. Modalità del trattamento: il trattamento sarà svolto con strumenti elettronici e manuali da parte di personale e collaboratori appositamente incaricati in modo da garantire la loro sicurezza e riservatezza. Alcuni trattamenti potranno essere gestiti anche da soggetti terzi, con sede in Italia e/o all´estero, ai quali la nostra società affida talune attività, integralmente o in parte, funzionali alla fornitura dei servizi sopra citati. I soggetti terzi, designati quali responsabili esterni del trattamento, ricevono opportune istruzioni per garantire la riservatezza dei dati e la loro sicurezza. I soggetti terzi sopra citati sono inclusi principalmente nelle seguenti categorie: Società e studi di consulenza in materia di marketing, fornitori di servizi tecnologici, ecc... (l´elenco è disponibile presso i nostri uffici). E´ esclusa la cessione a terzi per finalità diverse ed i dati personali raccolti non saranno diffusi. Il trattamento avrà una durata non superiore a quella necessaria alle finalità per i quali i dati sono stati raccolti sempre in ottemperanza agli obblighi di natura civilistica, fiscale e tributaria vigenti.


4. Facoltatività del conferimento dei dati: il rilascio dei dati è facoltativo. Un eventuale mancato conferimento dei dati provocherà l´impossibilità di usufruire in tutto o in parte di quanto richiesto.

5. Titolare: Titolare del trattamento è la Ditta Tic Web Tv con sede in Piazza Mascagni n. 9 ad Ivrea (TO) CAP 10015


6. Diritti: lei ha diritto di accedere in ogni momento ai dati che la riguardano e di esercitare gli altri diritti previsti dall´art. 7 del Dlgs 196/2003 (in calce). Allo stesso modo può chiedere l´origine dei dati, la correzione, l´aggiornamento o l´integrazione dei dati inesatti o incompleti, ovvero la cancellazione o il blocco per quelli trattati in violazione di legge, o ancora opporsi al loro utilizzo per motivi legittimi da evidenziare nella richiesta. L´interessato può esercitare tali diritti, nonché richiedere ogni ulteriore informazione nel merito del trattamento svolto, scrivendo al Responsabile interno presso la nostra sede o a: redazione@ticweb.it


OPZIONE ISCRIZIONE NEWSLETTER

Oltre a quanto sopra esposto, previa Sua esplicita richiesta e manifestazione di libero e facoltativo consenso, la Ditta Tic Web Tv, fino alla revoca dello stesso, perseguirà il fine di inviarle informazioni commerciali a mezzo dell´indirizzo e-mail da Lei indicato. Lei potrà revocare il consenso fornito per tali finalità in qualsiasi momento contattando il titolare o il responsabile indicato. Il consenso per il trattamento e la finalità di cui al presente punto non è obbligatorio. A seguito di un eventuale diniego i Suoi dati saranno unicamente trattati per le sole finalità indicate nella scheda informativa.


Art. 7 d.lgs 196/03
Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti

1. L´interessato ha diritto di ottenere la conferma dell´esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

2. L´interessato ha diritto di ottenere l´indicazione:
a) dell´origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell´art. 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

3. L´interessato ha diritto di ottenere:
a) l´aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l´integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l´attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestatamene sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

4. L´interessato ha diritto ad opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano ai fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Informativa privacy aggiornata il 12/07/2023 08:31
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie