06 Febbraio 2023
News
percorso: Home > News > ATTUALITA´

I senatori bocciano ATIVA

01-04-2016 14:44 - ATTUALITA´
Ivrea - Comunicato Stampa - Movimento 5 Stelle. La scorsa settimana si è svolta l´ audizione informale in Commissione Lavori pubblici del Senato sulle questioni legate alla scadenza delle concessioni per le autostrade Torino-Ivrea-Valle d´Aosta e Asti-Cuneo. Per il nostro territorio è importante porre l´accento sulla scadenza del concessionario Ativa che è prevista per il 31 agosto 2016. Questo è il punto centrale della questione, per il quale è stata messa in atto una massiccia operazione che ha come fine principale il rinnovo della concessione. Ovviamente, se un concessionario andasse dall´ente aggiudicatore dicendo «voglio che mi rinnovi la concessione», sicuramente gli verrebbe rivolto un gentile e cordiale invito ad abbandonare la sala. Anche nel nostro paese certe cose sono veramente oltre al limite. Occorrono delle motivazioni vere o presunte da sottoporre all´attenzione dell´ente, cercando così di convincerlo che è la cosa giusta per tutti. Qui da noi l´argomentazione è semplice, ovvero la sicurezza e l´incolumità pubblica.
A seguito dell´alluvione del 2000, l´ Autorità di Bacino del Fiume Po, delibera il piano stralcio di Integrazione al Piano per l’Assetto Idrogeologico (PAI) relativo al Nodo idraulico di Ivrea. Questo piano prevede tutta una serie di opere necessarie affinché una eventuale nuova alluvione non faccia i danni dell´ultima. Di tutto questo scritto ci si deve soffermare su questo enunciato: l’adeguamento dell’autostrada Torino-Aosta (in corrispondenza dell’incile) al fine di rendere il relativo rilevato “trasparente” e non tracimabile. Risulta difficile credere che una riga valga milioni di euro (si è già arrivati intorno ai 600 e la cifra continua a salire), ma è proprio così! Questa dicitura, di per se legittima, viene usata per giustificare milioni di euro di opere che servono per mettere in sicurezza il nostro territorio. Fermiamoci un attimo, questa è la versione ufficiale. Torniamo alla riunione in senato quando il senatore Stefano ESPOSITO (PD), affonda un colpo in profondità alla “nobile causa” di Ativa. Riportiamo qui le sue parole: «...ma anche Ativa è un altra di quelle vicende in cui in questi mesi, da parte dell´attuale concessionario, tenete conto che in quella concessione c´è anche la partecipazione pubblica della Città Metropolitana (di Torino), ha fatto tutto tranne che cercare di mettersi nelle condizioni di partecipare ad una gara e vincerla. Io capisco che fare le gare (d´appalto), per alcuni è una cosa indigesta, ma le gare si possono anche vincere... Ativa deve essere la prima gara della nuova era del codice degli appalti. La vicenda del nodo idraulico di Ivrea è aperta dal 2000... E´ singolare che un tema aperto dal 2000 venga portato come oggetto per non fare la gara e per avere di fatto una proroga, nel 2016. Perdonatemi, delle due l´una, o siamo tutti dei fessi, o c´è qualcuno che si ritiene veramente tanto furbo.» Non posso che concordare con le sue parole. Un´ opera che per sedici anni è rimasta nei cassetti, caso strano ora diventa indispensabile. Come si aggancia però il rinnovo della concessione autostradale alle opere di messa in sicurezza anti-alluvione? In alcune normative ci sono strumenti utili per far si che a fronte di grossi investimenti, la concessione resti nelle mani di chi li ha fatti. Erano presenti nello sblocca Italia, che ormai è stato superato dalla nuova legge sugli appalti e lo sono in alcune direttive Europee. La direttiva comunitaria n. 2014/23/UE sull’aggiudicazione dei contratti di concessione, al 52° considerando, recita che: “...per le concessioni di durata superiore ai cinque anni, la durata dovrebbe essere limitata al periodo in cui si può ragionevolmente prevedere che il concessionario recuperi gli investimenti effettuati per eseguire i lavori e i servizi e ottenga un ritorno sul capitale investito in condizioni operative normali...”. Eccoci qua al punto. Più milioni di euro investo, più potenzialmente mi dura la concessione. Ora, come sostiene il senatore Esposito non siamo tutti fessi. La cosa giusta da fare è la gara d´appalto, congelando momentaneamente tutto il discorso del nodo idraulico, anche perché se ha atteso 16 anni, qualche anno in più non cambia. Una volta che la gara è stata vinta da uno dei partecipanti, che potrebbe essere senza problemi nuovamente Ativa, a bocce ferme, si può parlare in modo disinteressato di Sicurezza pubblica. Prima non è credibile, come non è credibile la cordata Balocco-Avetta-Della Pepa, i quali si stanno prestando ad un gioco sproporzionato a favore di Ativa. Gli amministratori pubblici DEVONO far prevalere l´interesse pubblico, non quello delle lobby. Torneremo presto sul tema per pretendere che il vecchio modello all´Italiana venga finalmente abbandonato in favore di una più civile e decorosa gestione del bene pubblico.
Pierre Blasotta

-
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo E-mail per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

visibility
NON SONO REGISTRATO

crea account
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Informativa generica ai sensi dell´art. 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali per raccolta dati tramite internet.

In ottemperanza ai principi di correttezza, legittimità e chiarezza, ai fini di dare effettiva tutela alla Sua riservatezza, ai sensi dell´art. 13, comma 1, del "Codice in materia di protezione dei dati personali", ed in relazione ai dati personali da Lei inviati, Le forniamo le seguenti informazioni.

1. Dati oggetto di trattamento: i dati personali oggetto di trattamento sono quelli indicati nel modulo da Lei compilato nella pagina web di registrazione. Si tratta di dati personali facoltativamente conferiti in occasione della interazione di cui si intende essere parte. I dati oggetto di trattamento sono generalmente di natura comune. Nell´eventualità in cui l´interessato dovesse facoltativamente segnalare dati di natura sensibile (mai richiesti) si segnala che i suddetti dati saranno trattati nel rispetto delle particolari cautele definite dal codice privacy (d.lgs 196/03).

2. Finalità del trattamento: il trattamento dei dati personali da Lei liberamente forniti persegue le finalità funzionali all´organizzazione, gestione e partecipazione all´attività e ai servizi offerti di cui intende usufruire, ivi incluse le comunicazioni che si rendessero necessarie al fine di fornirle informazioni riguardanti le modalità di partecipazione. I dati saranno trattati per dare esecuzione a obblighi contrattuali o per adempiere a Sue specifiche richieste. I dati potranno essere archiviati al fine di mantenere i riferimenti e per garantire una adeguata efficienza in caso di eventuali contatti successivi o reclami. I dati personali conferiti potranno essere trattati per la gestione di eventuali contenziosi e per adempiere agli obblighi previsti da leggi, regolamenti o normative comunitarie, nonché da disposizioni delle autorità competenti.


3. Modalità del trattamento: il trattamento sarà svolto con strumenti elettronici e manuali da parte di personale e collaboratori appositamente incaricati in modo da garantire la loro sicurezza e riservatezza. Alcuni trattamenti potranno essere gestiti anche da soggetti terzi, con sede in Italia e/o all´estero, ai quali la nostra società affida talune attività, integralmente o in parte, funzionali alla fornitura dei servizi sopra citati. I soggetti terzi, designati quali responsabili esterni del trattamento, ricevono opportune istruzioni per garantire la riservatezza dei dati e la loro sicurezza. I soggetti terzi sopra citati sono inclusi principalmente nelle seguenti categorie: Società e studi di consulenza in materia di marketing, fornitori di servizi tecnologici, ecc... (l´elenco è disponibile presso i nostri uffici). E´ esclusa la cessione a terzi per finalità diverse ed i dati personali raccolti non saranno diffusi. Il trattamento avrà una durata non superiore a quella necessaria alle finalità per i quali i dati sono stati raccolti sempre in ottemperanza agli obblighi di natura civilistica, fiscale e tributaria vigenti.


4. Facoltatività del conferimento dei dati: il rilascio dei dati è facoltativo. Un eventuale mancato conferimento dei dati provocherà l´impossibilità di usufruire in tutto o in parte di quanto richiesto.

5. Titolare: Titolare del trattamento è la Ditta Tic Web Tv con sede in Piazza Mascagni n. 9 ad Ivrea (TO) CAP 10015


6. Diritti: lei ha diritto di accedere in ogni momento ai dati che la riguardano e di esercitare gli altri diritti previsti dall´art. 7 del Dlgs 196/2003 (in calce). Allo stesso modo può chiedere l´origine dei dati, la correzione, l´aggiornamento o l´integrazione dei dati inesatti o incompleti, ovvero la cancellazione o il blocco per quelli trattati in violazione di legge, o ancora opporsi al loro utilizzo per motivi legittimi da evidenziare nella richiesta. L´interessato può esercitare tali diritti, nonché richiedere ogni ulteriore informazione nel merito del trattamento svolto, scrivendo al Responsabile interno presso la nostra sede o a: redazione@ticweb.it


OPZIONE ISCRIZIONE NEWSLETTER

Oltre a quanto sopra esposto, previa Sua esplicita richiesta e manifestazione di libero e facoltativo consenso, la Ditta Tic Web Tv, fino alla revoca dello stesso, perseguirà il fine di inviarle informazioni commerciali a mezzo dell´indirizzo e-mail da Lei indicato. Lei potrà revocare il consenso fornito per tali finalità in qualsiasi momento contattando il titolare o il responsabile indicato. Il consenso per il trattamento e la finalità di cui al presente punto non è obbligatorio. A seguito di un eventuale diniego i Suoi dati saranno unicamente trattati per le sole finalità indicate nella scheda informativa.


Art. 7 d.lgs 196/03
Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti

1. L´interessato ha diritto di ottenere la conferma dell´esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

2. L´interessato ha diritto di ottenere l´indicazione:
a) dell´origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell´art. 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

3. L´interessato ha diritto di ottenere:
a) l´aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l´integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l´attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestatamene sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

4. L´interessato ha diritto ad opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano ai fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh


cookie