22 Maggio 2024
News
percorso: Home > News > ATTUALITA´

Il Convento di San Bernardino d'Ivrea donato al FAI

23-06-2023 23:00 - ATTUALITA´
Ivrea (TO). Di Désirée Gabella.

Il 23 giugno 2023 diventerà una data importante per Ivrea,

in quanto,proprio oggi, è stato donato il Convento di San Bernardino – Casa Olivetti a Ivrea – al FAI da parte degli eredi della famiglia Olivetti e Tim.

Si tratta di: «Un grande progetto di recupero finanziato dal Ministero della cultura e da Compagnia di San Paolo per raccontare l'impresa di Adriano Olivetti nel luogo che fu la casa di famiglia», si legge in una dichiarazione del FAI – Fondo Ambiente Italiano.

La notizia è stata data oggi, proprio all'interno della chiesa del convento, al cospetto di un'opera rinascimentale italiana quale è il ciclo di affreschi sul tramezzo della chiesa francescana, di «Vita e passione di Cristo», del pittore Giovanni Martino Spanzotti, pittore italiano, nato a Casale Monferrato e morto a Chivasso, vissuto circa tra il 1455 e il 1528, che fu tra i principali interpreti del rinnovamento in senso rinascimentale della pittura in Piemonte. Presenti all'evento: rappresentanti del FAI; Beniamino de' Liguori Carino, nipote di Adriano Olivetti, oltre che Segretario Generale della Fondazione di Adriano Olivetti, e rappresentanti di Tim. Ospite d'onore è stato il Sottosegretario di Stato del Ministero della Cultura, Vittorio Sgarbi. Presente, naturalmente, anche l'amministrazione comunale di Ivrea, rappresentata dal sindaco Matteo Chiantore, ma anche da alcuni consiglieri, tra cui Elisabetta Piccoli, la quale, tra l'altro, nel corso del suo mandato da Vicesindaco, aveva già fatto visitare a Sgarbi non solo Ivrea, ma anche la chiesa di San Bernardino. Lui stesso, infatti, ha dichiarato di essere poi tornato più volte a visitare questa splendida testimonianza della cultura rinascimentale.
«Il convento, con la sua chiesa, riuniti nella proprietà e nella gestione del FAI, saranno oggetto di un grande progetto di restauro e valorizzazione, reso possibile dal finanziamento di 6 milioni di euro che il Ministero della Cultura, oggi rappresentato dal Sottosegretario di Stato Vittorio Sgarbi, ha destinato a questo, riconosciuto tra i “Grandi Progetti Beni Culturali” del suo Piano Strategico – ha reso noto il FAI – Elaborato dal FAI, supportato da studi storico-archivistici e campagne diagnostiche, condiviso con la Soprintendenza competente, il progetto di restauro sarà coordinato dallo stesso Ministero attraverso il Segretario regionale come Stazione appaltante».
LA STORIA
Il Convento di San Bernardino, che dal 1908 fu la casa della famiglia Olivetti (Camillo, la moglie ed i loro figli), dagli anni '50 è divenuto sede del Gruppo Sportivo Ricreativo Olivetti. «Tornerà ad essere un centro culturale e ricreativo aperto a tutti», ha dichiarato il FAI.
«Il ciclo sul tramezzo della chiesa francescana d'Ivrea riflette non solo l'esigenza pedagogica del committente di disporre, per l'ascolto delle prediche, di una sorta di bibbia capace di tradurre le scritture in immagini, ma esprime soprattutto i tratti peculiari della devozionalità dei frati minori, che punta a restituire una genuina carica umana al racconto evangelico – si legge nella descrizione dell'opera - Spanzotti si dimostra capace di interpretare in modo esemplare il desiderio del committente, sviluppando una poetica nuova in grado di conferire al racconto la verità e la nobiltà dell'esperienza umana».
IL RESTAURO
«Il cantiere. che aprirà a metà 2024 e durerà due anni, comprenderà: il restauro conservativo degli edifici storici; l'adeguamento normativo, impiantistico e il miglioramento sismico, con massima attenzione a soluzioni per la sostenibilità ambientale e il risparmio energetico; la rifunzionalizzazione degli spazi interni ed esterni, per l'apertura completa e regolare al pubblico e l'offerta di servizi culturali e di accoglienza – ha spiegato il FAI - Si procederà per lotti: dapprima sul convento; poi sulla chiesa; di seguito sulle pertinenze, dai campi da tennis e di bocce, al sentiero attrezzato nel parco sulla collina di Monte Navale. Sarà un recupero complessivo di oltre 40.000 mq di edifici storici e di verde, nel cuore delle architetture della città industriale di Ivrea, riconosciute patrimonio dell'umanità dall'UNESCO».
LA VALORIZZAZIONE CULTURALE
Accanto a quello di restauro, c'è il progetto di valorizzazione culturale, che il FAI ha concepito ed elaborerà nei contenuti, in stretta collaborazione con la Fondazione Adriano Olivetti, e che svilupperà grazie al supporto e alla relazione con gli enti e le risorse del territorio: dal Comune; la Regione Piemonte; la Compagnia di San Paolo, che finanzierà il progetto di valorizzazione del bene; all'Associazione Archivio Storico Olivetti; le Spille d'Oro, che contribuiranno a garantire l'apertura della chiesa al pubblico; alla rete di imprese canavesane, come Icona Srl, proprietaria delle adiacenti Officine ICO, su via Jervis, dove oggi è il Visitor Center, che nel progetto potrà divenire anche l'accesso al Convento di San Bernardino, così integrato nel sito UNESCO».
DEDICATO A GIULIA MARIA CRESPI
A Giulia Maria Crespi, fondatrice del FAI, è dedicato il 72° bene del FAI: «In virtù della profonda sintonia di ideali culturali e civili», hanno spiegato dal FAI.
LE PAROLE DI VITTORIO SGARBI
«La chiesa nella quale siamo è un centro di poesia. E' così che la poesia è estranea ad ogni riferimento video, proiezioni multimediali, una parola che uccide la poesia. Informatizzazione, che pure è pertinente al luogo e alle imprese. Valorizzazione. Una serie di idiozie culminate col Pnrr, in cui c'è la parola Resilienza, una parola mai usata dal pensiero umano, fino a quando uno l'ha inventata e diffusa, insieme a parole come Sinergia, che hanno ucciso ogni poesia. Insieme a questa considerazione, pur conservando l'entusiasmo e la passione della Bruno, devo dire che, quello che mi ha particolarmente turbato, è quello che penso da sempre della mancanza di identità culturale dell'Unesco, che è un grande ente di promozione turistica, ma è un ente essenzialmente inutile, a cui tutti concorrono per avere i benefici di una pubblicità che non corrisponde ai finanziamenti che questo Ministero, invece, ha messo (e che non mette certamente l'Unesco), e che è stata in grado di vincolare il patrimonio dell'Umanità Ivrea, come città industriale, escludendo ciò che appartiene a tutti. Qui è il cuore, ed è una forma di mancanza d'intelligenza non connettere il progetto industriale di un umanista come è stato Olivetti, di Adriano in particolare, con questo luogo che non è soltanto il cuore, ma anche un luogo di religione, ma non intendeva che si potesse fare campagna religiosa tra i suoi dipendenti. Io preferisco il FAI a Unesco, credo che il FAI abbia fatto meglio dell'Unesco, e il fatto che qui ci siano in convergenza Unesco e FAI è la certezza che il FAI contemplerà ai difetti dell'Unesco. Quindi nessun dubbio che qui sarà tutto meraviglioso, come è a Masino e in altri luoghi FAI. FAI è la parte più alta del Ministero della Cultura e delle sue componenti, non riconosciuta, in ombra, che meriterebbe una dirigenza generale. Parlando della Chiesa di San Bernardino, in nessun luogo d'Italia c'è una luce vera come quella che si vede in queste primizie di Spanzotti, che io sento come essenziali, anche se credo che se tra gli Italiani si chiedesse quanti conoscono Fedez e Spanzotti, saremmo 15 milioni a 1. Tuttavia, guardare questi affreschi serve a capire, perché Spanzotti è qualcosa di assoluto, come si può anche evincere dalle parole di Testori».
SPANZOTTI NELLE PAROLE DI GIOVANNI TESTORI, SCRITTORE E CRITICO D'ARTE

«E' una nobiltà nuova – scrive Testori in “Giovanni Martino Spanzotti. Gli affreschi di Ivrea”, Ivrea, Centro Culturale Olivetti, 1958 – quella che si fonda in questi anni nel Nord dell'Italia e alla quale lo Spanzotti offre questo suo inconfondibile tono: una nobiltà umana, anziché umanistica; il fatto riportato alle sue proporzioni reali e quotidiane, contro il fatto dilatato dall'iperbole dell'ideologia; il profondo del particolare, infine, contro l'esteso dell'universale».


-
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Informativa generica ai sensi dell´art. 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali per raccolta dati tramite internet.

In ottemperanza ai principi di correttezza, legittimità e chiarezza, ai fini di dare effettiva tutela alla Sua riservatezza, ai sensi dell´art. 13, comma 1, del "Codice in materia di protezione dei dati personali", ed in relazione ai dati personali da Lei inviati, Le forniamo le seguenti informazioni.

1. Dati oggetto di trattamento: i dati personali oggetto di trattamento sono quelli indicati nel modulo da Lei compilato nella pagina web di registrazione. Si tratta di dati personali facoltativamente conferiti in occasione della interazione di cui si intende essere parte. I dati oggetto di trattamento sono generalmente di natura comune. Nell´eventualità in cui l´interessato dovesse facoltativamente segnalare dati di natura sensibile (mai richiesti) si segnala che i suddetti dati saranno trattati nel rispetto delle particolari cautele definite dal codice privacy (d.lgs 196/03).

2. Finalità del trattamento: il trattamento dei dati personali da Lei liberamente forniti persegue le finalità funzionali all´organizzazione, gestione e partecipazione all´attività e ai servizi offerti di cui intende usufruire, ivi incluse le comunicazioni che si rendessero necessarie al fine di fornirle informazioni riguardanti le modalità di partecipazione. I dati saranno trattati per dare esecuzione a obblighi contrattuali o per adempiere a Sue specifiche richieste. I dati potranno essere archiviati al fine di mantenere i riferimenti e per garantire una adeguata efficienza in caso di eventuali contatti successivi o reclami. I dati personali conferiti potranno essere trattati per la gestione di eventuali contenziosi e per adempiere agli obblighi previsti da leggi, regolamenti o normative comunitarie, nonché da disposizioni delle autorità competenti.


3. Modalità del trattamento: il trattamento sarà svolto con strumenti elettronici e manuali da parte di personale e collaboratori appositamente incaricati in modo da garantire la loro sicurezza e riservatezza. Alcuni trattamenti potranno essere gestiti anche da soggetti terzi, con sede in Italia e/o all´estero, ai quali la nostra società affida talune attività, integralmente o in parte, funzionali alla fornitura dei servizi sopra citati. I soggetti terzi, designati quali responsabili esterni del trattamento, ricevono opportune istruzioni per garantire la riservatezza dei dati e la loro sicurezza. I soggetti terzi sopra citati sono inclusi principalmente nelle seguenti categorie: Società e studi di consulenza in materia di marketing, fornitori di servizi tecnologici, ecc... (l´elenco è disponibile presso i nostri uffici). E´ esclusa la cessione a terzi per finalità diverse ed i dati personali raccolti non saranno diffusi. Il trattamento avrà una durata non superiore a quella necessaria alle finalità per i quali i dati sono stati raccolti sempre in ottemperanza agli obblighi di natura civilistica, fiscale e tributaria vigenti.


4. Facoltatività del conferimento dei dati: il rilascio dei dati è facoltativo. Un eventuale mancato conferimento dei dati provocherà l´impossibilità di usufruire in tutto o in parte di quanto richiesto.

5. Titolare: Titolare del trattamento è la Ditta Tic Web Tv con sede in Piazza Mascagni n. 9 ad Ivrea (TO) CAP 10015


6. Diritti: lei ha diritto di accedere in ogni momento ai dati che la riguardano e di esercitare gli altri diritti previsti dall´art. 7 del Dlgs 196/2003 (in calce). Allo stesso modo può chiedere l´origine dei dati, la correzione, l´aggiornamento o l´integrazione dei dati inesatti o incompleti, ovvero la cancellazione o il blocco per quelli trattati in violazione di legge, o ancora opporsi al loro utilizzo per motivi legittimi da evidenziare nella richiesta. L´interessato può esercitare tali diritti, nonché richiedere ogni ulteriore informazione nel merito del trattamento svolto, scrivendo al Responsabile interno presso la nostra sede o a: redazione@ticweb.it


OPZIONE ISCRIZIONE NEWSLETTER

Oltre a quanto sopra esposto, previa Sua esplicita richiesta e manifestazione di libero e facoltativo consenso, la Ditta Tic Web Tv, fino alla revoca dello stesso, perseguirà il fine di inviarle informazioni commerciali a mezzo dell´indirizzo e-mail da Lei indicato. Lei potrà revocare il consenso fornito per tali finalità in qualsiasi momento contattando il titolare o il responsabile indicato. Il consenso per il trattamento e la finalità di cui al presente punto non è obbligatorio. A seguito di un eventuale diniego i Suoi dati saranno unicamente trattati per le sole finalità indicate nella scheda informativa.


Art. 7 d.lgs 196/03
Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti

1. L´interessato ha diritto di ottenere la conferma dell´esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

2. L´interessato ha diritto di ottenere l´indicazione:
a) dell´origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell´art. 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

3. L´interessato ha diritto di ottenere:
a) l´aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l´integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l´attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestatamene sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

4. L´interessato ha diritto ad opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano ai fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Informativa privacy aggiornata il 12/07/2023 08:31
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie