22 Maggio 2024

Il Vangelo secondo Don Piero: Il dire e il fare

05-10-2023 02:14 - IL VANGELO SECONDO DON PIERO
Ivrea (TO), di Don Piero Agrano. Il dire ed il fare. Commento al vangelo della XXVI domenica del tempo ordinario (1° ottobre 2023).

“Tra il dire ed il fare …”.

Conosciamo bene l'esito di questo detto proverbiale.

Che punta il dito sulle incongruenze e le contraddizioni quotidiane fra il “dire” e il “fare”.

Veramente c'è di mezzo il “mare”! Al proverbio allude anche la parabola del vangelo di questa domenica. Un padre è alle prese con due figli: al suo ordine uno dice di no, ma poi fa la volontà del padre.

Il secondo, dopo un “signorsì” formale, disattende quanto gli è stato richiesto.

Alla fine, il “compimento della volontà del Padre” si decide su ciò che si fa, e non su ciò che si dice. E' l'azione a dare verità concreta alle parole. Rispetto al proverbio, la parabola evangelica presenta una novità da rilevare: rispecchia una situazione in cambiamento, in evoluzione: un no diventa un sì di fatto, un sì solo formale dà luogo ad un no di fatto. Di mezzo fra il no e il sì, infatti, secondo il vangelo, vi è un atto di pentimento, una conversione, un ripensamento magari tardivo ma non inutile. Dopo tutto, nessuna obbedienza a Dio è perfetta, esprime una completa adesione che passa dal dire al fare. In fondo l'unica possibilità di salvezza che abbiamo sta nella capacità di ricredersi, nel coraggio di rimettersi in discussione, all'occorrenza, di contraddirsi e di pentirsi. Cosa può mettere in movimento un processo del genere? Il commento di Gesù alla parabola mette in evidenza un altro fattore importante. L'elemento decisivo a far sparigliare la situazione è il “credere”. Non si intraprende da soli un cammino di cambiamento senza avere ascoltato qualcun altro ed avergli dato retta. Nella fattispecie, si era trattato prima di Giovanni Battista e poi di Gesù. Credere a loro voleva dire disporsi a convertirsi. Un atto di fede dispone ad una forma di obbedienza operativa, sul piano etico. Dietro ai personaggi sulla scena della parabola vi sono due gruppi. Quelli che sembrano dire di sì ma poi non ci stanno. E quelli che sembrano disobbedire ma poi mettono in pratica quanto udito. Gli osservanti, a livello solo formale, i leader religiosi. E quelli che non ti saresti aspettato, esemplificati nei pubblicani – esattori delle tasse, in combutta con gli odiati occupanti romani, pubblici peccatori - e le prostitute. Insomma la feccia della società del tempo, paradossalmente disponibile ad accogliere la predicazione di Giovanni e di Gesù. Alla fine, gli esclusi prendono il posto di quelli che pensavano di avere un posto garantito in paradiso. “Passare avanti” nel Regno di Dio vuol dire, in concreto, prendere il posto di un altro: “pubblicani e prostitute vi passano avanti!”. Dunque, dietro alla applicazione della parabola fatta da Gesù, c'è anche – nella stesura finale del vangelo fatta da Matteo – la situazione di quella comunità, che rilegge le parole del Signore consegnatele dalla tradizione, in relazione ai nuovi problemi. In essa affiora il rischio di una religiosità solo formale, sterile e frustrante. Essa deve lasciare il posto ad una esperienza profonda di Dio, un'esperienza che accetta le sue “scelte paradossali”: il perdono ai peccatori, il recupero di

chi si è perduto. E' un messaggio anche per le Chiese di oggi. Durante l'ultima udienza in San Pietro, ho sentito il Papa che si intratteneva con un religioso, esperto di “confessioni” sacramentali, raccomandare ad alta voce: “usi misericordia”! Misericordia non è approvazione di tutto quello che succede, non è ridurre al ribasso le istanze etiche. E' trarre dalle esperienze quotidiane di contraddizioni fra il dire ed il fare – e chi non le fa? – la possibilità di rialzarsi, di tentare vie nuove, di conversione …

Ogni percorso è, a questo punto, possibile. Tutti possono diventare figli ribelli, pur partendo da un'obbedienza solo di facciata. E tutti i ribelli possono tornare ad essere docili; possono ravvedersi, in vista di un'obbedienza concreta ed operativa. Non ci sono posizioni di rendita, o di privilegio, nel raggiungere la salvezza. Anzi, ad essere onesti, nel nostro cuore abitano entrambi i tipi di fratelli. Il cammino della vita cristiana non è un cammino di soggetti impeccabili, ma di uomini e donne che sbagliano, ma che sanno ripensarci e riconoscere i loro errori. Anche a noi, a distanza di secoli, può capitare di ritrovarci nei panni di “credenti increduli”, che ad una fede superficiale ed esteriore non sanno preferire una fede che dà ascolto concreto.

-
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Informativa generica ai sensi dell´art. 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali per raccolta dati tramite internet.

In ottemperanza ai principi di correttezza, legittimità e chiarezza, ai fini di dare effettiva tutela alla Sua riservatezza, ai sensi dell´art. 13, comma 1, del "Codice in materia di protezione dei dati personali", ed in relazione ai dati personali da Lei inviati, Le forniamo le seguenti informazioni.

1. Dati oggetto di trattamento: i dati personali oggetto di trattamento sono quelli indicati nel modulo da Lei compilato nella pagina web di registrazione. Si tratta di dati personali facoltativamente conferiti in occasione della interazione di cui si intende essere parte. I dati oggetto di trattamento sono generalmente di natura comune. Nell´eventualità in cui l´interessato dovesse facoltativamente segnalare dati di natura sensibile (mai richiesti) si segnala che i suddetti dati saranno trattati nel rispetto delle particolari cautele definite dal codice privacy (d.lgs 196/03).

2. Finalità del trattamento: il trattamento dei dati personali da Lei liberamente forniti persegue le finalità funzionali all´organizzazione, gestione e partecipazione all´attività e ai servizi offerti di cui intende usufruire, ivi incluse le comunicazioni che si rendessero necessarie al fine di fornirle informazioni riguardanti le modalità di partecipazione. I dati saranno trattati per dare esecuzione a obblighi contrattuali o per adempiere a Sue specifiche richieste. I dati potranno essere archiviati al fine di mantenere i riferimenti e per garantire una adeguata efficienza in caso di eventuali contatti successivi o reclami. I dati personali conferiti potranno essere trattati per la gestione di eventuali contenziosi e per adempiere agli obblighi previsti da leggi, regolamenti o normative comunitarie, nonché da disposizioni delle autorità competenti.


3. Modalità del trattamento: il trattamento sarà svolto con strumenti elettronici e manuali da parte di personale e collaboratori appositamente incaricati in modo da garantire la loro sicurezza e riservatezza. Alcuni trattamenti potranno essere gestiti anche da soggetti terzi, con sede in Italia e/o all´estero, ai quali la nostra società affida talune attività, integralmente o in parte, funzionali alla fornitura dei servizi sopra citati. I soggetti terzi, designati quali responsabili esterni del trattamento, ricevono opportune istruzioni per garantire la riservatezza dei dati e la loro sicurezza. I soggetti terzi sopra citati sono inclusi principalmente nelle seguenti categorie: Società e studi di consulenza in materia di marketing, fornitori di servizi tecnologici, ecc... (l´elenco è disponibile presso i nostri uffici). E´ esclusa la cessione a terzi per finalità diverse ed i dati personali raccolti non saranno diffusi. Il trattamento avrà una durata non superiore a quella necessaria alle finalità per i quali i dati sono stati raccolti sempre in ottemperanza agli obblighi di natura civilistica, fiscale e tributaria vigenti.


4. Facoltatività del conferimento dei dati: il rilascio dei dati è facoltativo. Un eventuale mancato conferimento dei dati provocherà l´impossibilità di usufruire in tutto o in parte di quanto richiesto.

5. Titolare: Titolare del trattamento è la Ditta Tic Web Tv con sede in Piazza Mascagni n. 9 ad Ivrea (TO) CAP 10015


6. Diritti: lei ha diritto di accedere in ogni momento ai dati che la riguardano e di esercitare gli altri diritti previsti dall´art. 7 del Dlgs 196/2003 (in calce). Allo stesso modo può chiedere l´origine dei dati, la correzione, l´aggiornamento o l´integrazione dei dati inesatti o incompleti, ovvero la cancellazione o il blocco per quelli trattati in violazione di legge, o ancora opporsi al loro utilizzo per motivi legittimi da evidenziare nella richiesta. L´interessato può esercitare tali diritti, nonché richiedere ogni ulteriore informazione nel merito del trattamento svolto, scrivendo al Responsabile interno presso la nostra sede o a: redazione@ticweb.it


OPZIONE ISCRIZIONE NEWSLETTER

Oltre a quanto sopra esposto, previa Sua esplicita richiesta e manifestazione di libero e facoltativo consenso, la Ditta Tic Web Tv, fino alla revoca dello stesso, perseguirà il fine di inviarle informazioni commerciali a mezzo dell´indirizzo e-mail da Lei indicato. Lei potrà revocare il consenso fornito per tali finalità in qualsiasi momento contattando il titolare o il responsabile indicato. Il consenso per il trattamento e la finalità di cui al presente punto non è obbligatorio. A seguito di un eventuale diniego i Suoi dati saranno unicamente trattati per le sole finalità indicate nella scheda informativa.


Art. 7 d.lgs 196/03
Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti

1. L´interessato ha diritto di ottenere la conferma dell´esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

2. L´interessato ha diritto di ottenere l´indicazione:
a) dell´origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell´art. 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

3. L´interessato ha diritto di ottenere:
a) l´aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l´integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l´attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestatamene sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

4. L´interessato ha diritto ad opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano ai fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Informativa privacy aggiornata il 12/07/2023 08:31
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie