22 Giugno 2024

Il Vangelo secondo Don Piero: Storia e responsabilità

10-10-2023 00:56 - IL VANGELO SECONDO DON PIERO
Ivrea (TO), di Don Piero Agrano. Storia e responsabilità.

Commento al vangelo della XXVII domenica del tempo ordinario

(8 ottobre 2023)

La grande storia può apparirci come una sequenza di avvenimenti senza una logica, senza un senso.

Ma soprattutto se lo sguardo dalla grande storia si riduce e passa ad esaminare le nostre piccole storie,

i frammenti di storia in cui ci vediamo protagonisti, le vicende che ci hanno segnato e nelle quali pensiamo di aver condizionato la vita di altri, emerge un altro fattore: la responsabilità. Presto o tardi ti viene chiesto conto di come ti sei mosso, a partire dai “frutti”, dalle conseguenze del tuo agire. Decisive, a questo punto, non sono più le intenzioni, ma le azioni concrete e le conseguenze che ne sono derivate. Nella parabola offerta dalla liturgia di questa domenica è ancora in gioco l'ambiente vigna come ‘luogo' del contendere fra Dio e l'uomo. Ma l'originalità della parabola, nota come quella dei vignaioli ribelli ed omicidi, sta nella (legittima) richiesta dei “frutti” della vigna, del raccolto della vendemmia, da parte di un padrone lontano. E nelle “risposte” offerte dagli interlocutori, i vignaioli.
Come spesso è accaduto nella grande storia, ed anche nelle piccole storie, il rifiuto di assumersi la responsabilità dei “frutti” prodotti, si manifesta in atti di violenza. Ci sono delle violenze, dei morti ammazzati, fra quelli inviati ad esigere i raccolti. In un crescendo, la violenza raggiunge il suo culmine nell'uccisione del figlio erede. La ribellione dei vignaioli giunge alla soppressione dell'erede per impossessarsi della sua proprietà. Il “redde rationem” comporta analoga violenza ed il passaggio della vigna in altri mani.
Una brutta storia di cronaca nera? No, questa parabola assume la forma di un'allegoria dove si allude a fatti e personaggi concreti, di una storia ‘riletta' a partire dalla sua conclusione. Leggendola nelle vicende di Israele, ciascuno può scovare nomi i cognomi, date ed avvenimenti precisi. Vediamo di rileggerla più in dettaglio, ricavandone la lezione anche per noi.
L'incipit della parabola, indirizzata ai leader religiosi, presenta un particolare insolito. Un proprietario terriero, di vigne, vive all'estero. Prima di partire non trascura di dedicare alla sua vigna tutte le attenzioni possibili. Attenzioni che sono evocate citando alla lettera un passo della profezia di Isaia, dove si afferma, senza mezzi termini, che “la vigna del Signore è la casa di Israele”. Il punto focale del racconto sta in un contrasto drammatico: fra l'attesa di “frutti” da parte del proprietario, le sue richieste, e la reazione violenta dei viticultori a cui quella vigna era stata affidata. Una reazione che sa di ribellione. L'invio reiterato di servi lascia trasparire ciò a cui il racconto allude: i servi sono i profeti, rifiutati, perseguitati, uccisi. L'ultimo inviato è il figlio erede la cui sorte non è diversa: egli è ucciso su di una croce!
Si tratta dunque di un lucido, spietato atto di accusa nei confronti del popolo di Israele, quanto meno dei suoi capi e delle sue guide. Una denuncia della ripetuta infedeltà di quel popolo che Dio aveva salvato e con il quale aveva stabilito un patto di amore. Quella storia ha il suo esito nel giudizio di Dio, che si attua nella condanna dei vignaioli omicidi e nel trasferimento della vigna ad altri vignaioli. Va precisato che nella parabola la condanna non colpisce l'intero popolo ma i suoi capi.
La sentenza finale secondo la quale “a voi sarà tolto il regno di Dio e sarà dato ad un popolo che ne produca i frutti” ha sollevato molte questioni. Rispetto ad un'ipotesi “sostituzionista”, secondo la quale la Chiesa, nel disegno di Dio, avrebbe preso il posto di Israele, c'è chi fa rilevare che il termine usato etnos, rispetto al termine usuale laòs, suggerisce una realtà che va oltre il dato puramente storico: si tratta di un popolo obbediente, il popolo messianico che ha Cristo come pietra angolare. Il popolo quale la Chiesa è chiamata a diventare. Determinanti sono i “frutti” da portare, coincidenti con quelli prodotti da un amore attivo, corrispondenti al comandamento del Signore. Rispetto a quel “popolo” ideale, non c'è alcuna istituzione religiosa che possa rivendicare una posizione di rendita. Su tutte incombe il rischio di essere trovate improduttive, nella prospettiva del Regno di Dio.

-
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Informativa generica ai sensi dell´art. 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali per raccolta dati tramite internet.

In ottemperanza ai principi di correttezza, legittimità e chiarezza, ai fini di dare effettiva tutela alla Sua riservatezza, ai sensi dell´art. 13, comma 1, del "Codice in materia di protezione dei dati personali", ed in relazione ai dati personali da Lei inviati, Le forniamo le seguenti informazioni.

1. Dati oggetto di trattamento: i dati personali oggetto di trattamento sono quelli indicati nel modulo da Lei compilato nella pagina web di registrazione. Si tratta di dati personali facoltativamente conferiti in occasione della interazione di cui si intende essere parte. I dati oggetto di trattamento sono generalmente di natura comune. Nell´eventualità in cui l´interessato dovesse facoltativamente segnalare dati di natura sensibile (mai richiesti) si segnala che i suddetti dati saranno trattati nel rispetto delle particolari cautele definite dal codice privacy (d.lgs 196/03).

2. Finalità del trattamento: il trattamento dei dati personali da Lei liberamente forniti persegue le finalità funzionali all´organizzazione, gestione e partecipazione all´attività e ai servizi offerti di cui intende usufruire, ivi incluse le comunicazioni che si rendessero necessarie al fine di fornirle informazioni riguardanti le modalità di partecipazione. I dati saranno trattati per dare esecuzione a obblighi contrattuali o per adempiere a Sue specifiche richieste. I dati potranno essere archiviati al fine di mantenere i riferimenti e per garantire una adeguata efficienza in caso di eventuali contatti successivi o reclami. I dati personali conferiti potranno essere trattati per la gestione di eventuali contenziosi e per adempiere agli obblighi previsti da leggi, regolamenti o normative comunitarie, nonché da disposizioni delle autorità competenti.


3. Modalità del trattamento: il trattamento sarà svolto con strumenti elettronici e manuali da parte di personale e collaboratori appositamente incaricati in modo da garantire la loro sicurezza e riservatezza. Alcuni trattamenti potranno essere gestiti anche da soggetti terzi, con sede in Italia e/o all´estero, ai quali la nostra società affida talune attività, integralmente o in parte, funzionali alla fornitura dei servizi sopra citati. I soggetti terzi, designati quali responsabili esterni del trattamento, ricevono opportune istruzioni per garantire la riservatezza dei dati e la loro sicurezza. I soggetti terzi sopra citati sono inclusi principalmente nelle seguenti categorie: Società e studi di consulenza in materia di marketing, fornitori di servizi tecnologici, ecc... (l´elenco è disponibile presso i nostri uffici). E´ esclusa la cessione a terzi per finalità diverse ed i dati personali raccolti non saranno diffusi. Il trattamento avrà una durata non superiore a quella necessaria alle finalità per i quali i dati sono stati raccolti sempre in ottemperanza agli obblighi di natura civilistica, fiscale e tributaria vigenti.


4. Facoltatività del conferimento dei dati: il rilascio dei dati è facoltativo. Un eventuale mancato conferimento dei dati provocherà l´impossibilità di usufruire in tutto o in parte di quanto richiesto.

5. Titolare: Titolare del trattamento è la Ditta Tic Web Tv con sede in Piazza Mascagni n. 9 ad Ivrea (TO) CAP 10015


6. Diritti: lei ha diritto di accedere in ogni momento ai dati che la riguardano e di esercitare gli altri diritti previsti dall´art. 7 del Dlgs 196/2003 (in calce). Allo stesso modo può chiedere l´origine dei dati, la correzione, l´aggiornamento o l´integrazione dei dati inesatti o incompleti, ovvero la cancellazione o il blocco per quelli trattati in violazione di legge, o ancora opporsi al loro utilizzo per motivi legittimi da evidenziare nella richiesta. L´interessato può esercitare tali diritti, nonché richiedere ogni ulteriore informazione nel merito del trattamento svolto, scrivendo al Responsabile interno presso la nostra sede o a: redazione@ticweb.it


OPZIONE ISCRIZIONE NEWSLETTER

Oltre a quanto sopra esposto, previa Sua esplicita richiesta e manifestazione di libero e facoltativo consenso, la Ditta Tic Web Tv, fino alla revoca dello stesso, perseguirà il fine di inviarle informazioni commerciali a mezzo dell´indirizzo e-mail da Lei indicato. Lei potrà revocare il consenso fornito per tali finalità in qualsiasi momento contattando il titolare o il responsabile indicato. Il consenso per il trattamento e la finalità di cui al presente punto non è obbligatorio. A seguito di un eventuale diniego i Suoi dati saranno unicamente trattati per le sole finalità indicate nella scheda informativa.


Art. 7 d.lgs 196/03
Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti

1. L´interessato ha diritto di ottenere la conferma dell´esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

2. L´interessato ha diritto di ottenere l´indicazione:
a) dell´origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell´art. 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

3. L´interessato ha diritto di ottenere:
a) l´aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l´integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l´attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestatamene sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

4. L´interessato ha diritto ad opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano ai fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Informativa privacy aggiornata il 12/07/2023 08:31
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie