21 Aprile 2024
News
percorso: Home > News > ATTUALITA´

Passerella, Ciclabile, Rotonda e Panchine, di chi è la colpa?

27-04-2023 00:30 - ATTUALITA´
Ivrea(TO) di Andrea Atzei. Per le problematiche create dal

Ponte “La Passerella, Natale Capellaro”,

la nuova “Pista Ciclabile” di corso Massimo D'Azeglio e la rotonda di Porta Vercelli è giusto criticare l'attuale amministrazione? O forse le critiche andrebbero mosse ad altri amministratori di un recente passato? A questa domanda molto spesso non è stata data risposta e nonostante le polemiche, nel corso degli anni, siano state tante e ripetitive, nulla è cambiato. Ma iniziamo a parlare delle opere eseguite per ultime, dall'allora amministrazione “Della Pepa” che, subito prima della scadenza del mandato, ad aprile 2018, aveva deciso di ultimare in fretta e furia la nuova pista ciclabile di corso Massimo d'Azeglio e la rotonda di Porta Vercelli. Totale costo lavori: oltre 650 mila euro. Lavori pubblici subito odiati dagli Eporediesi tanto da far precipitare i consensi tra gli elettori, cosi racconterebbero ancora oggi i rumors cittadini, portando il PD ad una sconfitta storica quanto imprevista. Cosa non era piaciuto dei 3 progetti dal costo faraonico? Secondo quanto raccolto in un recente sopralluogo, proprio percorrendo le zone adiacenti le tre opere, i viandanti ne avrebbero segnalato le criticità. Per quanto riguarda la Passerella, opera costata oltre 3 milioni di euro, interamente finanziati dalle casse comunali, i problemi sarebbero evidenti: a causa dell'umidità del fiume, e probabilmente dei materiali non propriamente adatti, le tavelle si sarebbero deformate diventando convesse, sporgenti e pericolose. Inoltre, essendo ancorate ad una base di legno, una volta staccate, le mini travi, non si potrebbero più avvitare. Questo fatto avrebbe portato gli uffici tecnici comunali a ragionare su una futura, quanto imminente, sostituzione di tutta la pavimentazione, per un preventivo opere che, secondo il parere di tecnici esperti, potrebbe toccare diverse centinaia di migliaia di euro. Dunque, una brutta gatta da pelare per l'amministrazione in carica: ereditare

una buona idea ma, progettata male e realizzata peggio.

Purtroppo, proprio durante il sopralluogo ci siamo resi conto che i cittadini attribuiscono la paternità delle pessime condizioni della struttura all'amministrazione Sertoli. Che sia una colpa ereditare una situazione negativa, difficile da gestire e a cui porre rimedio a causa dei costi elevati? Questo è ciò che alcuni, in primis l'opposizione, sosterrebbe attraverso i social e articoli. La pista ciclabile? Anche qui ci troviamo di fronte ad un progetto utile e doveroso per una città che rincorre l'appellativo Green, ma che, ricopiando un concetto sopracitato, sarebbe stata pensata male e realizzata peggio. Infatti, a conferma di quanto scritto, basta percorrere il marciapiede di corso Massimo d'Azeglio, sul lato destro della strada, per rendersi conto della pericolosità del tratto misto ciclo-pedonale. Basta distrarsi, facendo un improvviso movimento laterale, per rischiare l'investimento da parte di ciclisti spregiudicati che, rivendicando il diritto di precedenza del tratto contrassegnato prettamente ciclabile, lo percorrono, spesso, ad alte velocità. Dunque, la domanda nasce spontanea: il viadotto ciclabile si poteva fare meglio? E' probabile. Magari dedicando parte della sede stradale proprio ad uso esclusivo delle 2 ruote, togliendo i parcheggi auto, e, in alternativa, creando una "zona disco" nell'area adiacente il negozio "Oviesse". Cosa dire, inoltre, della rotonda di Porta Vercelli? Anch'essa una buona idea per agevolare e far defluire il traffico, ma per un probabile errore di valutazione, sarebbe stata sovradimensionata e, purtroppo, se ne sarebbero resi conto solo dopo il test effettivo di utilizzo quotidiano da parte degli automobilisti. Dunque, la passata amministrazione avrebbe lasciato, tra le altre, 3 problematiche non indifferenti e di difficile, quanto onerosa, risoluzione ai propri successori. E per coloro che domandano: «Perché l'amministrazione Sertoli non ha posto rimedio a questi problemi?». E' evidente che molti, troppi, a quanto pare non conoscerebbero i meccanismi della burocrazia che, spesso, impediscono di rimediare a sbagli progettuali ereditati dalle passate gestioni amministrative. Infatti, nel caso in cui l'amministrazione subentrata avesse rimosso le opere eseguite dalla precedente, appena prima del nuovo insediamento, la Corte dei Conti (Ente controllore della gestione economica delle finanze cittadine) avrebbe chiesto spiegazioni sull'utilizzo di ulteriori risorse economiche, con il rischio di incorrere in un'eventuale ispezione dei registri, da parte dei contabili romani. Al contrario, per “La Passerella”, già in condizioni pessime pochi mesi dopo l'inaugurazione, presumibilmente a causa di un errore progettuale sulla scelta dei materiali, servirebbero molti altri soldi per ripristinare completamente la pavimentazione, liquidità che nel prossimo quinquennio potrebbero arrivare dalla partecipazione a bandi o dall'utilizzo di finanziamenti. Infine, come dimenticare e panchine di dubbio gusto che erano state posizionate in piazza di città, sempre dalla precedente amministrazione "Della Pepa", denominate anche da alcuni cittadini

"panchine bara",

per colore e forma, costate oltre 30 mila euro ed inutilizzabili poiché erano freddissime in Inverno e bollenti in estate? Ora sono segregate nei pressi del Ponte Passerella e nel Parco Dora Baltea, nascoste alla vista, quasi come se bastasse a dimenticare questo evidente, e a quanto pare inutile, spreco di risorse. Dunque, tornando alla domanda iniziale: è giusto criticare l'attuale amministrazione per le problematiche causate dalle succitate opere? Stando alla luce dei fatti analizzati non sembrerebbe. Inoltre, in ultimo, ma non certo per minore importanza, l'amministrazione “Sertoli”, avendo ereditato una situazione finanziaria dell'Ente eporediese non ottimale, è stata costretta a riequilibrare il Bilancio comunale, in modo da ridurre l'enorme debito, programmando i prossimi 5 anni, proprio per realizzare le opere necessarie a migliorare e far crescere Ivrea. Come? Avendo già assunto un tecnico specializzato ed esperto nella partecipazione ai bandi di assegnazione fondi per gli Enti Pubblici, grazie al quale, fatto mai accaduto nelle passate gestioni amministrative, il Comune di Ivrea si sarebbe già aggiudicato oltre 3 milioni di euro. Senza dimenticare i circa 33 milioni di euro del P.N.R.R. (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) in arrivo grazie alla presentazione degli ottimi progetti, precisi e tempestivi, proprio da parte dell'attuale amministrazione comunale.

-
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Informativa generica ai sensi dell´art. 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali per raccolta dati tramite internet.

In ottemperanza ai principi di correttezza, legittimità e chiarezza, ai fini di dare effettiva tutela alla Sua riservatezza, ai sensi dell´art. 13, comma 1, del "Codice in materia di protezione dei dati personali", ed in relazione ai dati personali da Lei inviati, Le forniamo le seguenti informazioni.

1. Dati oggetto di trattamento: i dati personali oggetto di trattamento sono quelli indicati nel modulo da Lei compilato nella pagina web di registrazione. Si tratta di dati personali facoltativamente conferiti in occasione della interazione di cui si intende essere parte. I dati oggetto di trattamento sono generalmente di natura comune. Nell´eventualità in cui l´interessato dovesse facoltativamente segnalare dati di natura sensibile (mai richiesti) si segnala che i suddetti dati saranno trattati nel rispetto delle particolari cautele definite dal codice privacy (d.lgs 196/03).

2. Finalità del trattamento: il trattamento dei dati personali da Lei liberamente forniti persegue le finalità funzionali all´organizzazione, gestione e partecipazione all´attività e ai servizi offerti di cui intende usufruire, ivi incluse le comunicazioni che si rendessero necessarie al fine di fornirle informazioni riguardanti le modalità di partecipazione. I dati saranno trattati per dare esecuzione a obblighi contrattuali o per adempiere a Sue specifiche richieste. I dati potranno essere archiviati al fine di mantenere i riferimenti e per garantire una adeguata efficienza in caso di eventuali contatti successivi o reclami. I dati personali conferiti potranno essere trattati per la gestione di eventuali contenziosi e per adempiere agli obblighi previsti da leggi, regolamenti o normative comunitarie, nonché da disposizioni delle autorità competenti.


3. Modalità del trattamento: il trattamento sarà svolto con strumenti elettronici e manuali da parte di personale e collaboratori appositamente incaricati in modo da garantire la loro sicurezza e riservatezza. Alcuni trattamenti potranno essere gestiti anche da soggetti terzi, con sede in Italia e/o all´estero, ai quali la nostra società affida talune attività, integralmente o in parte, funzionali alla fornitura dei servizi sopra citati. I soggetti terzi, designati quali responsabili esterni del trattamento, ricevono opportune istruzioni per garantire la riservatezza dei dati e la loro sicurezza. I soggetti terzi sopra citati sono inclusi principalmente nelle seguenti categorie: Società e studi di consulenza in materia di marketing, fornitori di servizi tecnologici, ecc... (l´elenco è disponibile presso i nostri uffici). E´ esclusa la cessione a terzi per finalità diverse ed i dati personali raccolti non saranno diffusi. Il trattamento avrà una durata non superiore a quella necessaria alle finalità per i quali i dati sono stati raccolti sempre in ottemperanza agli obblighi di natura civilistica, fiscale e tributaria vigenti.


4. Facoltatività del conferimento dei dati: il rilascio dei dati è facoltativo. Un eventuale mancato conferimento dei dati provocherà l´impossibilità di usufruire in tutto o in parte di quanto richiesto.

5. Titolare: Titolare del trattamento è la Ditta Tic Web Tv con sede in Piazza Mascagni n. 9 ad Ivrea (TO) CAP 10015


6. Diritti: lei ha diritto di accedere in ogni momento ai dati che la riguardano e di esercitare gli altri diritti previsti dall´art. 7 del Dlgs 196/2003 (in calce). Allo stesso modo può chiedere l´origine dei dati, la correzione, l´aggiornamento o l´integrazione dei dati inesatti o incompleti, ovvero la cancellazione o il blocco per quelli trattati in violazione di legge, o ancora opporsi al loro utilizzo per motivi legittimi da evidenziare nella richiesta. L´interessato può esercitare tali diritti, nonché richiedere ogni ulteriore informazione nel merito del trattamento svolto, scrivendo al Responsabile interno presso la nostra sede o a: redazione@ticweb.it


OPZIONE ISCRIZIONE NEWSLETTER

Oltre a quanto sopra esposto, previa Sua esplicita richiesta e manifestazione di libero e facoltativo consenso, la Ditta Tic Web Tv, fino alla revoca dello stesso, perseguirà il fine di inviarle informazioni commerciali a mezzo dell´indirizzo e-mail da Lei indicato. Lei potrà revocare il consenso fornito per tali finalità in qualsiasi momento contattando il titolare o il responsabile indicato. Il consenso per il trattamento e la finalità di cui al presente punto non è obbligatorio. A seguito di un eventuale diniego i Suoi dati saranno unicamente trattati per le sole finalità indicate nella scheda informativa.


Art. 7 d.lgs 196/03
Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti

1. L´interessato ha diritto di ottenere la conferma dell´esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

2. L´interessato ha diritto di ottenere l´indicazione:
a) dell´origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell´art. 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

3. L´interessato ha diritto di ottenere:
a) l´aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l´integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l´attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestatamene sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

4. L´interessato ha diritto ad opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano ai fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Informativa privacy aggiornata il 12/07/2023 08:31
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie