06 Febbraio 2023
News
percorso: Home > News > ATTUALITA´

Peppino Impastato: La mafia uccide, il silenzio pure

09-05-2016 12:54 - ATTUALITA´
Cinisi (PA). Di Giada Verre. Nella notte tra l´8 e il 9 maggio del 1978, mentre l´Italia è sotto choc per il ritrovamento a Roma del cadavere di Aldo Moro, a Cinisi, un paesino a 30 km da Palermo, muore dilaniato da una violenta esplosione Giuseppe Impastato, giornalista, poeta e attivista della sinistra extraparlamentare. Giuseppe, detto Peppino, venne ucciso dalla mafia, su ordine di Gaetano Badalamenti, boss di Cinisi e capo di Cosa Nostra. Impastato nacque il 5 gennaio 1948 in una famiglia storicamente mafiosa, il padre durante il periodo fascista era stato inviato al confino e il cognato del padre era il capomafia Cesare Manzella. Nonostante il suo nome e i legami con Cosa Nostra, Peppino rompe i rapporti con il padre, che lo caccia di casa, ed avvia un´attività politico-culturale antimafiosa, dichiarando così guerra alla mafia, denunciandone traffici illeciti e intrecci con la politica. Nel 1965 fonda il giornale "L´idea socialista" che dopo alcuni numeri sarà sequestrato, e dal 1968 in poi partecipa, con ruolo di dirigente, alle attività dei gruppi comunisti. Conduce battaglie nel sociale a favore dei contadini che venivano espropriati delle terre per la costruzione della terza pista dell´aeroporto di Palermo in territorio di Cinisi, principale collegamento con la mafia americana e per il traffico di stupefacenti. Nel 1976 costituisce il gruppo "Musica e cultura", punto di riferimento per i giovani di Cinisi, e nello stesso anno fonda "Radio Aut", radio libera, con cui denuncia i delitti e gli affari dei mafiosi del territorio, in primo luogo del capomafia Don Tano Badalamenti (chiamato "Tano Seduto"). Il programma più seguito è "Onda pazza" trasmissione satirica con cui Peppino e i suoi compagni sbeffeggiano con acuta ironia mafiosi e politici di Cinisi e dei territori limitrofi. Inutili i tentativi della madre di mettere in guardia il figlio sui pericoli che stava correndo, nel 1978, poco prima di morire, si candida nella lista di Democrazia Proletaria alle elezioni comunali. Non fece in tempo a sapere l´esito della votazione, perché la sera dell´8 maggio Impastato venne ucciso a colpi di pietra e il suo cadavere venne fatto saltare con del tritolo sui binari della ferrovia Palermo-Trapani. L´uccisione avvenuta in piena notte riuscì a passare, la mattina seguente, quasi inosservata, dal momento che proprio in quelle ore veniva ritrovato in via Caetani a Roma, il corpo di Aldo Moro. Stampa, forze dell´ordine e magistratura ipotizzarono un suicidio o addirittura che il giovane fosse morto saltando in aria mentre preparava un attentato dinamitardo. La verità venne uccisa due volte, nessuno parla o ha il coraggio di parlare di un omicidio di mafia, i depistaggi delle forze dell´ordine e l´alterazione della scena del crimine (le macchie di sangue trovate nel casale dove venne ucciso non furono analizzate, e molte prove sparirono misteriosamente) miravano a distruggere la memoria e il lavoro politico di Peppino. Ma i tentativi di oscurare l´immagine di Impastato furono vani, e a dimostrarlo fu il corteo di gente che si riversò per le strade di Cinisi il giorno del suo funerale. L´inchiesta giudiziaria venne riaperta grazie ai famigliari e ai compagni di Peppino, che costituitisi parte civile, con l´aiuto di Salvo Vitale e Umberto Santino, il fondatore del centro di documentazione antimafia, individuarono la matrice mafiosa dell´omicidio, indicando come mandante del delitto il boss Gaetano Badalamenti. La madre, Felicia Bartolotta, e il fratello Giovanni divennero i custodi della memoria di Peppino e suoi difensori, che, rompendo pubblicamente con la parentela mafiosa, lottarono per far emergere la verità. Chiusa e riaperta più volte, l´inchiesta portò infine alla condanna all´ergastolo di Gaetano Badalamenti, l´11 aprile 2002. Ci sono voluti 23 anni per fare giustizia sull´assassinio di Impastato, perché venisse bollato a tutti gli effetti come un morto di mafia. Peppino ha lasciato un seme, che negli anni ha dato i suoi frutti, e se oggi a Cinisi sono presenti delle amministrazioni molto impegnate sul fronte della mafia è anche grazie al messaggio che ha saputo trasmettere. Giuseppe Impastato è morto perché non aveva paura, e non avere paura in un paese generatore di mafia come Cinisi, equivaleva alla morte, ma il suo sacrificio non è stato vano, poiché ci ha educati ad una disubbidienza civile contro la cultura mafiosa. Peppino era un ribelle, un rivoluzionario che lottava per i suoi ideali, legati all´idea di uguaglianza e di emancipazione di coloro che venivano sfruttati. Era un siciliano libero, era un uomo che si è rifiutato di tacere, e la sua voce, la voce trasmessa da Radio Aut, ha spinto centinaia di ragazzi a ribellarsi, a scendere in piazza per denunciare le ingiustizie. Peppino ci ha insegnato a combattere, a non abbassare la testa, e continua a vivere negli ideali di chi, come lui, si rifiuta di avere paura.

-
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo E-mail per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

visibility
NON SONO REGISTRATO

crea account
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Informativa generica ai sensi dell´art. 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali per raccolta dati tramite internet.

In ottemperanza ai principi di correttezza, legittimità e chiarezza, ai fini di dare effettiva tutela alla Sua riservatezza, ai sensi dell´art. 13, comma 1, del "Codice in materia di protezione dei dati personali", ed in relazione ai dati personali da Lei inviati, Le forniamo le seguenti informazioni.

1. Dati oggetto di trattamento: i dati personali oggetto di trattamento sono quelli indicati nel modulo da Lei compilato nella pagina web di registrazione. Si tratta di dati personali facoltativamente conferiti in occasione della interazione di cui si intende essere parte. I dati oggetto di trattamento sono generalmente di natura comune. Nell´eventualità in cui l´interessato dovesse facoltativamente segnalare dati di natura sensibile (mai richiesti) si segnala che i suddetti dati saranno trattati nel rispetto delle particolari cautele definite dal codice privacy (d.lgs 196/03).

2. Finalità del trattamento: il trattamento dei dati personali da Lei liberamente forniti persegue le finalità funzionali all´organizzazione, gestione e partecipazione all´attività e ai servizi offerti di cui intende usufruire, ivi incluse le comunicazioni che si rendessero necessarie al fine di fornirle informazioni riguardanti le modalità di partecipazione. I dati saranno trattati per dare esecuzione a obblighi contrattuali o per adempiere a Sue specifiche richieste. I dati potranno essere archiviati al fine di mantenere i riferimenti e per garantire una adeguata efficienza in caso di eventuali contatti successivi o reclami. I dati personali conferiti potranno essere trattati per la gestione di eventuali contenziosi e per adempiere agli obblighi previsti da leggi, regolamenti o normative comunitarie, nonché da disposizioni delle autorità competenti.


3. Modalità del trattamento: il trattamento sarà svolto con strumenti elettronici e manuali da parte di personale e collaboratori appositamente incaricati in modo da garantire la loro sicurezza e riservatezza. Alcuni trattamenti potranno essere gestiti anche da soggetti terzi, con sede in Italia e/o all´estero, ai quali la nostra società affida talune attività, integralmente o in parte, funzionali alla fornitura dei servizi sopra citati. I soggetti terzi, designati quali responsabili esterni del trattamento, ricevono opportune istruzioni per garantire la riservatezza dei dati e la loro sicurezza. I soggetti terzi sopra citati sono inclusi principalmente nelle seguenti categorie: Società e studi di consulenza in materia di marketing, fornitori di servizi tecnologici, ecc... (l´elenco è disponibile presso i nostri uffici). E´ esclusa la cessione a terzi per finalità diverse ed i dati personali raccolti non saranno diffusi. Il trattamento avrà una durata non superiore a quella necessaria alle finalità per i quali i dati sono stati raccolti sempre in ottemperanza agli obblighi di natura civilistica, fiscale e tributaria vigenti.


4. Facoltatività del conferimento dei dati: il rilascio dei dati è facoltativo. Un eventuale mancato conferimento dei dati provocherà l´impossibilità di usufruire in tutto o in parte di quanto richiesto.

5. Titolare: Titolare del trattamento è la Ditta Tic Web Tv con sede in Piazza Mascagni n. 9 ad Ivrea (TO) CAP 10015


6. Diritti: lei ha diritto di accedere in ogni momento ai dati che la riguardano e di esercitare gli altri diritti previsti dall´art. 7 del Dlgs 196/2003 (in calce). Allo stesso modo può chiedere l´origine dei dati, la correzione, l´aggiornamento o l´integrazione dei dati inesatti o incompleti, ovvero la cancellazione o il blocco per quelli trattati in violazione di legge, o ancora opporsi al loro utilizzo per motivi legittimi da evidenziare nella richiesta. L´interessato può esercitare tali diritti, nonché richiedere ogni ulteriore informazione nel merito del trattamento svolto, scrivendo al Responsabile interno presso la nostra sede o a: redazione@ticweb.it


OPZIONE ISCRIZIONE NEWSLETTER

Oltre a quanto sopra esposto, previa Sua esplicita richiesta e manifestazione di libero e facoltativo consenso, la Ditta Tic Web Tv, fino alla revoca dello stesso, perseguirà il fine di inviarle informazioni commerciali a mezzo dell´indirizzo e-mail da Lei indicato. Lei potrà revocare il consenso fornito per tali finalità in qualsiasi momento contattando il titolare o il responsabile indicato. Il consenso per il trattamento e la finalità di cui al presente punto non è obbligatorio. A seguito di un eventuale diniego i Suoi dati saranno unicamente trattati per le sole finalità indicate nella scheda informativa.


Art. 7 d.lgs 196/03
Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti

1. L´interessato ha diritto di ottenere la conferma dell´esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

2. L´interessato ha diritto di ottenere l´indicazione:
a) dell´origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell´art. 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

3. L´interessato ha diritto di ottenere:
a) l´aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l´integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l´attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestatamene sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

4. L´interessato ha diritto ad opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano ai fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh


cookie