25 Aprile 2024

Un pane che è "Corpo di Cristo".

21-06-2023 01:15 - IL VANGELO SECONDO DON PIERO
Ivrea (TO), di Don Piero Agrano. Un pane che è “Corpo di Cristo”.

Commento al vangelo della Festa del Corpo e del Sangue del Signore.

Ai “vecchietti” (fra i quali si annovera chi scrive) il “Corpus Domini” richiama alla mente processioni e benedizioni, luminarie ed infiorate, ostensori dorati e lenzuola ricamate esposte ai balconi. Ed i bambini della Prima Comunione che spargevano sulla strada petali di rose. Una scenografia che puntava sulla visibilità anche sociale di quella celebrazione della Chiesa, in un mondo che si diceva interamente cristiano. Nata nel medio Evo, la festa si arricchì con la religiosità barocca, sviluppatasi dopo il Concilio di Trento. In una società secolarizzata – con un forte distacco fra Chiesa e società - certe manifestazioni sopravvivono nei piccoli centri (e talvolta nemmeno in essi!). Ciò non toglie che l'Eucaristia sia al centro ed al culmine della Liturgia della Chiesa, ma tale non è percepita da chi continua a dirsi credente, ma non praticante. Eppure certi appuntamenti – vedi Prime Comunioni – mobilitano ancora folle di fedeli. In quelle occasioni. Occorre dunque recuperare il senso autentico della “presenza” di Gesù nell'Eucaristia. Nel passo del vangelo il verbo ricorrente non è adorare, inginocchiarsi, ma mangiare. Poiché di un pane si tratta, che non va solo osservato, adorato, ma mangiato. E l'azione umana del mangiare ci introduce ad un livello più alto: scorgere l'azione di Dio nelle nostre azioni umane. Ad una pagnotta (o a delle fette di pane) sul tavolo si può anche prestare scarsa attenzione. Lo si mangia senza pensarci. Ma a che cosa fa pensare il pane? Seguo i suggerimenti di mons. Derio Olivero, vescovo di Pinerolo, nel bel libro “Il pane, il vino e la bellezza” Ed. San Paolo, 2023. Il pane è dono della Madre Terra. E' lei che ha prodotto il grano. Ma nel pane vedo anche il lavoro dell'uomo, di tante persone: il contadino, il mugnaio, il panettiere. E le loro fatiche. Come ogni cibo, il pane ci rivela che siamo esseri bisognosi. Non bastiamo a noi stessi! E poi è importante mangiare con altri. A loro dici: “Tu sei più importante del cibo che mangio”. Le relazioni sono più importanti di quanto consideriamo indispensabile per vivere: il cibo. Intorno ad un tavolo comune (e non legati a tavolini) ci si sente uniti. Il pane è spezzato perché sia condiviso, perché tutti ne abbiano parte. Si mangia condividendo. Per imparare che non si vive di solo pane, ma appunto di condivisione, di amore. In questa ‘grammatica' del pane troviamo già i tratti del sacramento dell'Eucaristia. “Gesù ci dice “Prendete e mangiate!”. Ci ricorda che abbiamo bisogno di un Pane che ci nutra e ci salvi. Non bastiamo a noi stessi. Abbiamo bisogno di un Pane che non ci lasci morire … Abbiamo bisogno di sentirci pane in una comunità di fratelli … A Messa troviamo un Padre che ci sostiene e ci dona gli uni agli altri come fratelli e sorelle” (pag. 12). Il passo evangelico scelto per questa festa è la parte conclusiva del discorso “sul pane della vita”, discorso pronunciato da Gesù, secondo il quarto vangelo, nella sinagoga di Cafarnao, in seguito al miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci. Gesù si propone come “il pane vivo disceso dal cielo”. Il “Figlio dell'uomo”, di origine celeste, si offre come “pane” portatore di una vita divina. E' l'intera esistenza del “Verbo di Dio”, l'intera sua missione, ad essere evocata come “pane che dà vita”. Fin dal Prologo, l'evangelista ha annunciato che “il Verbo”, la Parola eterna del Padre, si è fatto “carne”, cioè individuo umano fragile e mortale, come noi siamo. Ora Il Verbo offre questa “carne” fino alla morte in croce.
Paradossalmente, è proprio questa immolazione del Verbo a garantire al “pane della vita”, che Lui è, la forza di dispensare vita. E non solo in termini biologici, materiali. C'è dunque una carne immolata, un sangue versato. Carne e sangue offerti e ricevuti nel sacramento dell'Eucaristia. Gesù pone l'enfasi sul “mangiare” e “bere”: “Se non mangiate la carne del Figlio dell'Uomo e non bevete il suo sangue, non avrete in voi la vita”. L'affermazione di Gesù, nel quarto vangelo, si comprende solo dentro ad una logica simbolico/sacramentale. Non si tratta naturalmente di mangiare carne umana, di antropofagia! I segni conviviali, eucaristici, del pane e del vino, rendono presente la persona fisica del “Figlio dell'Uomo”. La loro distinzione suggerisce il drammatico separarsi di “carne e sangue”, nel sacrificio della Croce. L'assunzione di quel cibo e bevanda, nel contesto della “Cena eucaristica” non è fine a se stesso. E' il mezzo richiesto per raggiungere una comunione duratura con il Cristo, morto e risorto. E' la condizione data per ottenere la vita dispensata dal celeste Figlio dell'Uomo. Il legame “sacramentale” (mangiare “la carne” del Figlio dell'Uomo nel pane consacrato …) diviene legame personale. Questo legame viene reso in modo originale facendo ricorso da un verbo di largo uso nel quarto vangelo: “rimanere”.

“Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui”. “Rimanere” non evoca una semplice posizione “statica”, il non muoversi. “Rimanere” è il mantenere una forte relazione personale: l'uno nell'altro! Una solida relazione che fa riferimento nientemeno che alla relazione di Gesù con il Padre: “Come io vivo per il Padre, così chi mangia me vivrà per me”. Il legame eucaristico con Cristo attinge forza dal legame del Figlio con il Padre. Per concludere, l'Eucaristia non può essere considerata una “mezzo salvifico” a se stante, ma può essere compresa solo in relazione alla missione di Cristo, di portare, di donare vita. E' Lui il “pane della vita” che il Padre dona al mondo, ben più di quanto ha fatto, con gli Ebrei nell'esodo, facendo scendere su di loro il “pane del cielo” che era la manna. La condizione necessaria per accogliere il dono del “pane della vita”, assicurato mediante l'Eucaristia, è la fede nel Verbo di Dio, rivelatore del Padre, portatore di vita. L'Eucaristia è segno della fede, comporta un atto di fede. Nell'Eucaristia quella fede fa i conti con la logica sacramentale per cui la “carne ed il sangue del Figlio dell'Uomo” ci sono assicurati negli elementi conviviali del pane e del vino. Con tutto ciò che questi significano nell'esperienza umana del pasto consumato insieme.


Don Piero

-
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Informativa generica ai sensi dell´art. 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali per raccolta dati tramite internet.

In ottemperanza ai principi di correttezza, legittimità e chiarezza, ai fini di dare effettiva tutela alla Sua riservatezza, ai sensi dell´art. 13, comma 1, del "Codice in materia di protezione dei dati personali", ed in relazione ai dati personali da Lei inviati, Le forniamo le seguenti informazioni.

1. Dati oggetto di trattamento: i dati personali oggetto di trattamento sono quelli indicati nel modulo da Lei compilato nella pagina web di registrazione. Si tratta di dati personali facoltativamente conferiti in occasione della interazione di cui si intende essere parte. I dati oggetto di trattamento sono generalmente di natura comune. Nell´eventualità in cui l´interessato dovesse facoltativamente segnalare dati di natura sensibile (mai richiesti) si segnala che i suddetti dati saranno trattati nel rispetto delle particolari cautele definite dal codice privacy (d.lgs 196/03).

2. Finalità del trattamento: il trattamento dei dati personali da Lei liberamente forniti persegue le finalità funzionali all´organizzazione, gestione e partecipazione all´attività e ai servizi offerti di cui intende usufruire, ivi incluse le comunicazioni che si rendessero necessarie al fine di fornirle informazioni riguardanti le modalità di partecipazione. I dati saranno trattati per dare esecuzione a obblighi contrattuali o per adempiere a Sue specifiche richieste. I dati potranno essere archiviati al fine di mantenere i riferimenti e per garantire una adeguata efficienza in caso di eventuali contatti successivi o reclami. I dati personali conferiti potranno essere trattati per la gestione di eventuali contenziosi e per adempiere agli obblighi previsti da leggi, regolamenti o normative comunitarie, nonché da disposizioni delle autorità competenti.


3. Modalità del trattamento: il trattamento sarà svolto con strumenti elettronici e manuali da parte di personale e collaboratori appositamente incaricati in modo da garantire la loro sicurezza e riservatezza. Alcuni trattamenti potranno essere gestiti anche da soggetti terzi, con sede in Italia e/o all´estero, ai quali la nostra società affida talune attività, integralmente o in parte, funzionali alla fornitura dei servizi sopra citati. I soggetti terzi, designati quali responsabili esterni del trattamento, ricevono opportune istruzioni per garantire la riservatezza dei dati e la loro sicurezza. I soggetti terzi sopra citati sono inclusi principalmente nelle seguenti categorie: Società e studi di consulenza in materia di marketing, fornitori di servizi tecnologici, ecc... (l´elenco è disponibile presso i nostri uffici). E´ esclusa la cessione a terzi per finalità diverse ed i dati personali raccolti non saranno diffusi. Il trattamento avrà una durata non superiore a quella necessaria alle finalità per i quali i dati sono stati raccolti sempre in ottemperanza agli obblighi di natura civilistica, fiscale e tributaria vigenti.


4. Facoltatività del conferimento dei dati: il rilascio dei dati è facoltativo. Un eventuale mancato conferimento dei dati provocherà l´impossibilità di usufruire in tutto o in parte di quanto richiesto.

5. Titolare: Titolare del trattamento è la Ditta Tic Web Tv con sede in Piazza Mascagni n. 9 ad Ivrea (TO) CAP 10015


6. Diritti: lei ha diritto di accedere in ogni momento ai dati che la riguardano e di esercitare gli altri diritti previsti dall´art. 7 del Dlgs 196/2003 (in calce). Allo stesso modo può chiedere l´origine dei dati, la correzione, l´aggiornamento o l´integrazione dei dati inesatti o incompleti, ovvero la cancellazione o il blocco per quelli trattati in violazione di legge, o ancora opporsi al loro utilizzo per motivi legittimi da evidenziare nella richiesta. L´interessato può esercitare tali diritti, nonché richiedere ogni ulteriore informazione nel merito del trattamento svolto, scrivendo al Responsabile interno presso la nostra sede o a: redazione@ticweb.it


OPZIONE ISCRIZIONE NEWSLETTER

Oltre a quanto sopra esposto, previa Sua esplicita richiesta e manifestazione di libero e facoltativo consenso, la Ditta Tic Web Tv, fino alla revoca dello stesso, perseguirà il fine di inviarle informazioni commerciali a mezzo dell´indirizzo e-mail da Lei indicato. Lei potrà revocare il consenso fornito per tali finalità in qualsiasi momento contattando il titolare o il responsabile indicato. Il consenso per il trattamento e la finalità di cui al presente punto non è obbligatorio. A seguito di un eventuale diniego i Suoi dati saranno unicamente trattati per le sole finalità indicate nella scheda informativa.


Art. 7 d.lgs 196/03
Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti

1. L´interessato ha diritto di ottenere la conferma dell´esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

2. L´interessato ha diritto di ottenere l´indicazione:
a) dell´origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell´art. 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

3. L´interessato ha diritto di ottenere:
a) l´aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l´integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l´attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestatamene sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

4. L´interessato ha diritto ad opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano ai fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Informativa privacy aggiornata il 12/07/2023 08:31
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie