01 Febbraio 2023
News
percorso: Home > News > ATTUALITA´

A Night Like This Festival fa ancora parlare di se´. Pronta la risposta del Sindaco Fiorentini.

24-07-2015 02:24 - ATTUALITA´
Chiaverano (TO), di Redazione. "Che se ne parli bene o male, l´importante e´ che se ne parli", lo stanno imparando gli abitanti del comune di Chiaverano, dove a causa o grazie alle polemiche sorte in questi giorni intorno alla manifestazione musicale "A Night Like This Festival", il festival estivo che da qualche anno anima Chiaverano, continuano ad essere al centro dell´attenzione di parecchi dibattiti ed articoli da parte dei media in Canavese. Dopo gli scambi d´opinione intercorsi nei giorni scorsi su giornali e Social network, dove vi è´ stato un acceso dibattito tra i favorevoli ed i contrari al festival, ed in cui i consiglieri di minoranza avevano esplicitamente invitato sindaco e giunta comunale a dimettersi, e´ stato il sindaco del paese, Maurizio Fiorentini, a pubblicare sul sito internet del comune un lungo comunicato, che pubblichiamo integralmente, in cui esprime il suo pensiero. "Nelle ultime settimane è diventata ossessiva e continua l´attività del gruppo di minoranza e di alcuni cittadini contrari alle manifestazioni organizzate dal Comune di Chiaverano e, in particolare, contrari a A Night Like This Festival.
Ognuno è libero di essere a favore o contrario a qualsiasi cosa purchè nel rispetto dell´educazione e magari pure del buon senso, cosa che non sta avvenendo in questo caso, soprattutto quando si fanno affermazioni basate su dicerie o convinzioni personali ignorando completamente la realtà dei fatti.
Quando contro ogni logica ci si spinge a dire che chi viene al Festival è "gentaglia con lo zaino pieno di porcherie", quando si accusa il Sindaco di essere antidemocratico perchè "non ha chiesto ai cittadini se sono d´accordo", quando si continua a condividere su Facebook un articolo della Voce del Canavese pieno di strafalcioni e notizie false... beh, questo non è esprimere opinioni ma è insultare, delegittimare, distruggere.
Da quando è iniziato il Festival, quattro anni fa, più volte ci sono state occasioni per discutere di questi aspetti, l´ultima lo scorso Natale quando si è proposta una serata al Teatro per una fetta di panettone e per parlare del Festival. Nessuno degli attuali contestatori era presente.
I consiglieri di minoranza che ora si ergono intrepidi paladini dei contestatori hanno un´eccezionale possibilità per far valere le proprie ragioni: si chiama Consiglio Comunale. Poche settimane fa c´è stato il Consiglio che ha approvato il bilancio preventivo 2015. Sulle spese per le manifestazioni la minoranza NON HA DETTO UNA PAROLA (basta leggere i verbali).
Quando si critica anche aspramente qualunque iniziativa poi si dovrebbe fare qualche proposta alternativa di pari livello. Finora non si è vista nessuna proposta.
Quando si critica il come vengono spesi i soldi e il perchè vengono spesi si dovrebbe saper aprire la mente pensando alla fatica di tante persone che sta dietro a mesi di lavoro, ai vantaggi che l´iniziativa può dare a lungo termine, al voler fare in modo che il proprio paese non sia un paese dormitorio ma cresca e si distingua.
Ma, soprattutto, quando si è così attivi solo nel criticare e nel distruggere ciò che fanno gli altri si dovrebbe provare a impegnarsi a fare qualcosa di utile per il proprio paese. Quanti dei contestatori più attivi, compresi i consiglieri di minoranza, sono impegnati in qualche associazione? Quanti si sono offerti in questi ultimi mesi a dare una mano, ad esempio, a pulire l´area del Lago Sirio che era in condizioni indecenti anche per il fatto che l´unico cantoniere è in malattia? Naturalmente nessuno, erano troppo impegnati a scrivere su Facebook.
E vogliamo parlare di costi? Tutte le manifestazioni, ripeto TUTTE, sono previste in bilancio per 21.762E comprese le spese per la cultura e attività sociali. Visto che il totale spese del bilancio 2015 è di 3.470.534E, significa che questa cifra incide in bilancio per lo 0,62%!
A chiunque pare chiaro che quanto viene speso è estremamente esiguo e che anche azzerando completamente questa spesa il bilancio ne avrebbe minimi vantaggi.
Tra le tante accuse, poi, c´è quella di sprecare soldi per "i nostri divertimenti" anzichè riparare strade, fare le strisce, proseguire i lavori di via ivrea, sistemare un parco giochi in stato di abbandono, ecc. Poi, naturalmente, va di moda dire "ci aumentano le tasse per pagare le feste".
Se abbiamo aumentato l´IMU sulla seconda casa e l´aliquota IRPEF è perchè dovevamo recuperare 115.000E di tagli di trasferimenti statali e altre riduzioni di entrate, non certo per poter pagare le manifestazioni!
I lavori di Via Ivrea, che ripartiranno il 1 Settembre, valgono 250.000E e, oltretutto, vengono realizzati con un finanziamento regionale. Se non avessimo fatto i Festivals sarebbero partiti prima? Ma per favore...
Il parco giochi abbandonato? Ma quando mai! C´era una vecchia giostrina rotta che è stata tolta, tutto il resto è perfettamente funzionante e usato normalmente ogni giorno!
Le strisce sono state fatte (in parte, a breve saranno completate); ci sono voluti mesi non per colpa dei Festivals o di mancanza di fondi ma per problemi di lungaggini burocratiche. Chiunque vuole ne chieda le ragioni all´Ufficio Tecnico.
Tante altre cose sono ferme o vengono fatte con tempi lunghi perchè la volontà non basta ma ci si scontra quotidianamente con follie legislative e burocratiche che rendono la vita impossibile: il patto di stabilità, il MEPA, la fattura elettronica tanto per citare solo le ultime. Perchè la minoranza non viene in Comune a informarsi e a verificare come funzionano le cose? Non dal Sindaco, ci mancherebbe, vadano dal Segretario Comunale o all´Ufficio Tecnico così da iniziare a capire cosa voglia dire amministrare e a capire la complessità delle procedure. Finora mai visti.
E, visto che ci si accanisce così tanto per una spesa di 21.762E, vogliamo parlare della pesante eredità che ci siamo trovati e dobbiamo gestire? Vogliamo parlare dei circa 40.000E di costi annuali tra spese di gestione e oneri dei mutui per il pluriuso Guido Mino (in media oltre 100E al giorno di costi!)? O di tutti gli altri mutui ancora da pagare per opere del passato (i mutui cubano per un totale di circa 113.000E)?
E il Pluriuso, a pochi anni dalla sua costruzione, avrebbe bisogno di pesanti interventi di manutenzione e di sistemazione, vedi il pavimento, che comportano una spesa ben più elevata del totale che si spende per le manifestazioni.
Tra le tante cose scritte in questi giorni è stato detto che le manifestazioni si devono pagare da sè e le associazioni devono essere autosufficienti. Bene. Ma chi ha scritto queste cose sa quel che dice?
Se applicassimo alla lettera questo principio l´Associazione del Carnevale riuscirebbe a fare la sua manifestazione pagando affitto e riscaldamento del Pluriuso oltre alla pulizia straordinaria delle strade?
Le compagnie teatrali Andromeda e Morenica riuscirebbero a mettere in scena le loro stagioni pagando tutti i costi di gestione e gli oneri del Teatro?
La Filarmonica sarebbe in grado di pagare affitto e riscaldamento della propria sede?
Tornando a ANLT Festival: è indubbio che quest´anno ci sia stata una flessione sui BIGLIETTI VENDUTI (è ben diverso ragionare sui biglietti rispetto alle PRESENZE che comprendono anche chi entra a titolo gratuito: volontari, ultrasessantenni, stampa, persone accreditate a vario titolo). Le ragioni possono essere diverse e, naturalmente, andranno analizzate ma, in ogni caso, le strutture ricettive di Chiaverano la sera del 18 ERANO PIENE e i commercianti che hanno creduto in questa iniziativa erano comunque soddisfatti (lasciamo stare il caso del commerciante che si dichiara fortemente contrario e poi, in modo molto coerente con le proprie idee, tiene aperto il negozio fino alle 4 del mattino vendendo moltissimo).
Infine è davvero svilente aver saputo che i consiglieri di minoranza hanno telefonato alle varie strutture ricettive dicendo che stavano effettuando un sondaggio PER CONTO DEL COMUNE in riferimento al fatto che il Festival era andato male. NESSUNO può dire di fare qualcosa in nome del Comune se questo non viene autorizzato da un atto formale e, quindi, quest´iniziativa della minoranza è un atto GRAVE e ILLEGITTIMO. Facciano i loro sondaggi presentandosi come minoranza e non come Comune.
Per dimostrare cosa poi? Che qualche albergo di Ivrea non era pieno? Chiedete alla Vecchia Posta, alla Campagnetta, al B&B Brunod, tutti di Chiaverano, che per quanto ci risulta erano pieni e hanno avuto richieste anche oltre la capienza. E provate a chiedere a Ivrea all´Hotel Sirio cosa ne pensa dei nostri Festivals!
Non si crea nulla in poco tempo. In passato si poteva contare su cospicui finanziamenti pubblici o da sponsor privati, ora difficilissimi da ottenere. In questi pochi anni il Wild Art Festival e l´ANLT Festival ci hanno dato una incredibile visibilità in molti media di livello nazionale, un´importante agenzia di pubblicità ha scelto il Lago Sirio per una sua campagna nazionale, Chiaverano viene citato in tantissimi siti come posto bellissimo da visitare. Grazie al Wild Art l´Associazione Piccolo Carro ha potuto ottenere un contributo importante dovuto alla vendita all´asta delle fotografie e grazie all´ANLT Festival è stato realizzato un calendario che viene venduto e i cui ricavati andranno alla stessa associazione. E questi sono solo alcuni dei lati positivi che andrebbero considerati.
Si dice che "non c´è peggior sordo di chi non vuol sentire" per cui è inutile continuare a fornire dati e spiegazioni.
Non essere d´accordo è legittimo, ritenere che altre iniziative (quali?) siano migliori è legittimo, dimostrare di impegnarsi e fare qualcosa di costruttivo è legittimo e sarebbe auspicabile. Non è legittimo insultare, distruggere per partito preso, accanirsi in modo ossessivo per dimostrare le proprie tesi precostituite.
Continueremo per la nostra strada valutando naturalmente ogni possibile miglioramento di quanto stiamo facendo raccogliendo qualsiasi proposta o suggerimento che sia costruttivo e ignorando d´ora in poi ogni ulteriore strumentalizzazione che verrà fatta.
Il Sindaco
Maurizio Fiorentini"
A fronte di tutto ciò la speranza e´ che il Sindaco accolga le richieste ed il malcontento degli abitanti di Chiaverano, attuando misure tali da far si che ritorni l´armonia nel grazioso paesello alle porte di Ivrea, le cui risorse naturali ed il suggestivo paesaggio, sono presupposti base ottimali per realizzare qualcosa di buono e che accontenti un po´ tutti in paese. Quel che è certo e´ che adesso A Night Like This Festival lo conoscono molte più persone di quante lo conoscessero qualche settimana fa, e tutta la questione sviluppatasi intorno alla manifestazione ha sviluppato un tam tam ed un´attenzione mediatica tale da renderlo tra i principali argomenti d´attualità in Canavese. Chissà che possa essere un presupposto per porre le basi per miglioramenti ed un futuro promettente per questa ed altre possibili nuove iniziative.

-
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo E-mail per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

visibility
NON SONO REGISTRATO

crea account
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Informativa generica ai sensi dell´art. 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali per raccolta dati tramite internet.

In ottemperanza ai principi di correttezza, legittimità e chiarezza, ai fini di dare effettiva tutela alla Sua riservatezza, ai sensi dell´art. 13, comma 1, del "Codice in materia di protezione dei dati personali", ed in relazione ai dati personali da Lei inviati, Le forniamo le seguenti informazioni.

1. Dati oggetto di trattamento: i dati personali oggetto di trattamento sono quelli indicati nel modulo da Lei compilato nella pagina web di registrazione. Si tratta di dati personali facoltativamente conferiti in occasione della interazione di cui si intende essere parte. I dati oggetto di trattamento sono generalmente di natura comune. Nell´eventualità in cui l´interessato dovesse facoltativamente segnalare dati di natura sensibile (mai richiesti) si segnala che i suddetti dati saranno trattati nel rispetto delle particolari cautele definite dal codice privacy (d.lgs 196/03).

2. Finalità del trattamento: il trattamento dei dati personali da Lei liberamente forniti persegue le finalità funzionali all´organizzazione, gestione e partecipazione all´attività e ai servizi offerti di cui intende usufruire, ivi incluse le comunicazioni che si rendessero necessarie al fine di fornirle informazioni riguardanti le modalità di partecipazione. I dati saranno trattati per dare esecuzione a obblighi contrattuali o per adempiere a Sue specifiche richieste. I dati potranno essere archiviati al fine di mantenere i riferimenti e per garantire una adeguata efficienza in caso di eventuali contatti successivi o reclami. I dati personali conferiti potranno essere trattati per la gestione di eventuali contenziosi e per adempiere agli obblighi previsti da leggi, regolamenti o normative comunitarie, nonché da disposizioni delle autorità competenti.


3. Modalità del trattamento: il trattamento sarà svolto con strumenti elettronici e manuali da parte di personale e collaboratori appositamente incaricati in modo da garantire la loro sicurezza e riservatezza. Alcuni trattamenti potranno essere gestiti anche da soggetti terzi, con sede in Italia e/o all´estero, ai quali la nostra società affida talune attività, integralmente o in parte, funzionali alla fornitura dei servizi sopra citati. I soggetti terzi, designati quali responsabili esterni del trattamento, ricevono opportune istruzioni per garantire la riservatezza dei dati e la loro sicurezza. I soggetti terzi sopra citati sono inclusi principalmente nelle seguenti categorie: Società e studi di consulenza in materia di marketing, fornitori di servizi tecnologici, ecc... (l´elenco è disponibile presso i nostri uffici). E´ esclusa la cessione a terzi per finalità diverse ed i dati personali raccolti non saranno diffusi. Il trattamento avrà una durata non superiore a quella necessaria alle finalità per i quali i dati sono stati raccolti sempre in ottemperanza agli obblighi di natura civilistica, fiscale e tributaria vigenti.


4. Facoltatività del conferimento dei dati: il rilascio dei dati è facoltativo. Un eventuale mancato conferimento dei dati provocherà l´impossibilità di usufruire in tutto o in parte di quanto richiesto.

5. Titolare: Titolare del trattamento è la Ditta Tic Web Tv con sede in Piazza Mascagni n. 9 ad Ivrea (TO) CAP 10015


6. Diritti: lei ha diritto di accedere in ogni momento ai dati che la riguardano e di esercitare gli altri diritti previsti dall´art. 7 del Dlgs 196/2003 (in calce). Allo stesso modo può chiedere l´origine dei dati, la correzione, l´aggiornamento o l´integrazione dei dati inesatti o incompleti, ovvero la cancellazione o il blocco per quelli trattati in violazione di legge, o ancora opporsi al loro utilizzo per motivi legittimi da evidenziare nella richiesta. L´interessato può esercitare tali diritti, nonché richiedere ogni ulteriore informazione nel merito del trattamento svolto, scrivendo al Responsabile interno presso la nostra sede o a: redazione@ticweb.it


OPZIONE ISCRIZIONE NEWSLETTER

Oltre a quanto sopra esposto, previa Sua esplicita richiesta e manifestazione di libero e facoltativo consenso, la Ditta Tic Web Tv, fino alla revoca dello stesso, perseguirà il fine di inviarle informazioni commerciali a mezzo dell´indirizzo e-mail da Lei indicato. Lei potrà revocare il consenso fornito per tali finalità in qualsiasi momento contattando il titolare o il responsabile indicato. Il consenso per il trattamento e la finalità di cui al presente punto non è obbligatorio. A seguito di un eventuale diniego i Suoi dati saranno unicamente trattati per le sole finalità indicate nella scheda informativa.


Art. 7 d.lgs 196/03
Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti

1. L´interessato ha diritto di ottenere la conferma dell´esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

2. L´interessato ha diritto di ottenere l´indicazione:
a) dell´origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell´art. 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

3. L´interessato ha diritto di ottenere:
a) l´aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l´integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l´attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestatamene sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

4. L´interessato ha diritto ad opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano ai fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh


cookie