25 Aprile 2024
News
percorso: Home > News > CRONACA

Cava di S.Bernardo: arriva il ricorso al Presidente della Repubblica.

02-07-2014 14:19 - CRONACA
Ivrea (TO) Riceviamo e pubblichiamo, Movimento 5 Stelle. Per chi non ne fosse ancora informato, nel quartiere di S.Bernardo, il comune di Ivrea ha dato via libera alla realizzazione di una cava, titolare dell´istanza ancora una volta la Cogeis s.p.a.
Uno degli slogan elettorali delle ultime elezioni è stato «Ivrea più bella», e tra cave, poliambulatori,ponti e centri commerciali viene da chiedersi se l´elettorato medio di Ivrea abbia ancora il senso della bellezza e capacità critica rispetto a ciò che gli accade intorno. Se un giorno si dovesse scegliere tra ospitare l´esposizione del David di Michelangelo o un bel inceneritore Vienna-Style, temo di sapere dove cadrebbe la scelta.
A prescindere dalla opinioni soggettive, ce ne sono altre che il MOVIMENTO 5 STELLE reputa oggettive e importanti: la qualità della vita, la salute e la tutela dell´ambiente.
Nella nostra visione di sviluppo urbano, ovvero la costante ricerca della "città a misura d´uomo", una cava in un centro abitato contrasta certamente con il concetto di armonia e vivibilità del luogo.
Altro dato da non sottovalutare è la pulsione ossessiva a sotterrare rifiuti pericolosi in qualsivoglia cavità del terreno, naturale o artificiale: grotte, fondali marini, insenature naturali e Cave. Dalle recenti rivelazioni sulla Terra dei Fuochi, emerge il dato allarmante: dove c´è un buco nel terreno viene riempito di rifiuti, molto spesso pericolosi. Molti diranno: "si, ma da noi non succede"; presto per dirlo, come sappiamo la legge è tre passi indietro la criminalità e ci vorranno ancora degli anni prima che i rifiuti sotterrati sotto le nuove autostrade confermino o meno i giustificati sospetti.
Un principio molto caro al Movimento è il principio di precauzione, che tradotto in parole povere significa "prevenire è meglio che curare". Per questo motivo il Movimento ha da subito contestato il progetto cava di San Bernardo, fino a ponderare gli estremi per un ricorso al Consiglio di Stato in ragione delle modalità e delle procedure con cui è stata rilasciata l´autorizzazione. Prima di farlo ha organizzato incontri tra gli abitanti della località "Le fornaci" ,trovando in quelle occasioni la disponibilità ed il sostegno per avvalorare la necessità di un ricorso.
Pur sapendo che di questi tempi la giustizia è spesso prevaricata dal potere di partiti e grandi imprese, abbiamo voluto egualmente fare un investimento nel futuro schierandoci contro il senso di rassegnazione che serpeggia spesso tra la gente dando contemporaneamente credito a quelle istituzioni preposte alla tutela i diritti dei cittadini. Il ricorso si propone di coinvolgere istituzioni e cittadinanza locale sulla decisione che incombe sugli abitanti di San Bernardo . Per una volta vorremmo così evitare il ricorrente luogo comune "nessuno ne sapeva nulla" sostituendolo con un confortante "tutti sapevano" , vogliamo approfondire tutti i particolari del progetto e fare emergere a priori gli aspetti deteriori evitando tardivi allarmi come com´ è successo per Venezia,l´Expo e che temiamo possa accadere un domani per altre grandi opere come il progetto TAV.
In questo caso non è quindi solo un ricorso da vincere, ma una battaglia da sostenere per prevenire rischi molto spesso taciuti. Per i più curiosi proponiamo di seguito la dettagliata cronistoria della vicenda dell´autorizzazione della cava di San Bernardo.
Vengo dunque a ricostruire i fatti e la natura dei nostri rilievi critici. Il 28 maggio 2008, durante il mandato Grijuela, la Cogeis presenta l´istanza per una cava che insisterà su una superficie di 60000 metri quadrati e dove in dieci anni si estrarranno 230000 metri cubi di materiale inerte, il deposito successivo di riempimento ospiterà 206000 metri cubi di materiale da scavo. Dopo l´istanza seguono due conferenze dei servizi, marzo 2009 e maggio 2009. Nei verbali delle stesse vengono evidenziate diverse criticità e richieste soluzioni.
Il verbale della conferenza di maggio evidenzia la necessità di "... approfondimenti su viabilità, impatto acustico, stabilità delle dune, stoccaggio dei materiali e piano di gestione dei rifiuti, che esigono elaborati e verifiche." Il verbale della seconda conferenza solleva "... dubbi sull´efficacia della vasca di decantazione e sulle canalette.", vengono inoltre sollevate altre problematiche ambientali che richiedono soluzioni.
Nonostante diversi rilievi critici delle due conferenze non siano stati risolti, il 19 marzo 2014 il Consiglio comunale delibera l´approvazione dello schema di convenzione per l´attività estrattiva.
L´esame dell´iter amministrativo evidenzia una possibile violazione della norma relativa all´applicazione della valutazione ambientale strategica e mostra che sono presupposti provvedimenti favorevoli mai emessi e sottoscritti in sede di conferenza dei servizi.
A nostro fondato modo di vedere, l´ istruttoria che ha portato alla approvazione presenta una serie di criticità non risolte che vengo ad elencarvi.
Si è sottostimato il flusso di camion, ignorando il numero di cento unità al giorno stimato dalle conferenza dei servizi. Non si sono definire soluzioni adeguate per il traffico urbano. ( In dieci anni è prevista una movimentazione di 440000 metri cubi di materiali.) Inoltre non sono state verificate le disponibilità di terreni per l´ampliamento della strada vicinale.
Non ci sono state le necessarie verifiche sullo stoccaggio dei materiali e precisazioni sulle vasche di decantazione già criticate nella seconda conferenza dei servizi.
Non è stato rispettato l´articolo 7 della LR 69/78 dov´è previsto che il comune debba tenere conto "... della salubrità della zona circostante, dell´ambiente e del paesaggio." Segnaliamo che adiacenti alla cava, si trovano un fabbricato a vocazione residenziale, un agriturismo, una serie di abitazioni ad est e che a trecento metri di distanza sorge un vero e proprio centro abitato. Il paesaggio di campagna oggi ordinato e curato risulterà completamente alterato.
Non esiste una provata esigenza del territorio di stoccare 230000 metri cubi di materiali nell´opera di riempimento della cava. I dati depositati dall´Arpa, con riferimento ad un bacino più ampio di quello esaminato dal progetto, mostrano che le esigenze di stoccaggio di terre e rocce di scavo siano un terzo di quelle dichiarate per le fasi 2 e 3 del progetto.
Il progetto, inoltre, non rispetta tutte le condizioni imposte dal Piano Provinciale delle Attività Estrattive.
Sarà la magistratura che valuterà la presunta completezza dell´istruttoria e la legittimità dell´iter amministrativo che ha portato all´autorizzazione della cava/discarica. Il M5S DI IVREA ha già espresso un chiaro giudizio politico negativo sull´opportunità di questa ennesima "speculazione".
Continueremo la nostra azione con la popolazione animati dalla convinzione che la salute, l´ambiente, la vivibilità della nostra città siano beni collettivi che noi cittadini dobbiamo difende.

-
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Informativa generica ai sensi dell´art. 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali per raccolta dati tramite internet.

In ottemperanza ai principi di correttezza, legittimità e chiarezza, ai fini di dare effettiva tutela alla Sua riservatezza, ai sensi dell´art. 13, comma 1, del "Codice in materia di protezione dei dati personali", ed in relazione ai dati personali da Lei inviati, Le forniamo le seguenti informazioni.

1. Dati oggetto di trattamento: i dati personali oggetto di trattamento sono quelli indicati nel modulo da Lei compilato nella pagina web di registrazione. Si tratta di dati personali facoltativamente conferiti in occasione della interazione di cui si intende essere parte. I dati oggetto di trattamento sono generalmente di natura comune. Nell´eventualità in cui l´interessato dovesse facoltativamente segnalare dati di natura sensibile (mai richiesti) si segnala che i suddetti dati saranno trattati nel rispetto delle particolari cautele definite dal codice privacy (d.lgs 196/03).

2. Finalità del trattamento: il trattamento dei dati personali da Lei liberamente forniti persegue le finalità funzionali all´organizzazione, gestione e partecipazione all´attività e ai servizi offerti di cui intende usufruire, ivi incluse le comunicazioni che si rendessero necessarie al fine di fornirle informazioni riguardanti le modalità di partecipazione. I dati saranno trattati per dare esecuzione a obblighi contrattuali o per adempiere a Sue specifiche richieste. I dati potranno essere archiviati al fine di mantenere i riferimenti e per garantire una adeguata efficienza in caso di eventuali contatti successivi o reclami. I dati personali conferiti potranno essere trattati per la gestione di eventuali contenziosi e per adempiere agli obblighi previsti da leggi, regolamenti o normative comunitarie, nonché da disposizioni delle autorità competenti.


3. Modalità del trattamento: il trattamento sarà svolto con strumenti elettronici e manuali da parte di personale e collaboratori appositamente incaricati in modo da garantire la loro sicurezza e riservatezza. Alcuni trattamenti potranno essere gestiti anche da soggetti terzi, con sede in Italia e/o all´estero, ai quali la nostra società affida talune attività, integralmente o in parte, funzionali alla fornitura dei servizi sopra citati. I soggetti terzi, designati quali responsabili esterni del trattamento, ricevono opportune istruzioni per garantire la riservatezza dei dati e la loro sicurezza. I soggetti terzi sopra citati sono inclusi principalmente nelle seguenti categorie: Società e studi di consulenza in materia di marketing, fornitori di servizi tecnologici, ecc... (l´elenco è disponibile presso i nostri uffici). E´ esclusa la cessione a terzi per finalità diverse ed i dati personali raccolti non saranno diffusi. Il trattamento avrà una durata non superiore a quella necessaria alle finalità per i quali i dati sono stati raccolti sempre in ottemperanza agli obblighi di natura civilistica, fiscale e tributaria vigenti.


4. Facoltatività del conferimento dei dati: il rilascio dei dati è facoltativo. Un eventuale mancato conferimento dei dati provocherà l´impossibilità di usufruire in tutto o in parte di quanto richiesto.

5. Titolare: Titolare del trattamento è la Ditta Tic Web Tv con sede in Piazza Mascagni n. 9 ad Ivrea (TO) CAP 10015


6. Diritti: lei ha diritto di accedere in ogni momento ai dati che la riguardano e di esercitare gli altri diritti previsti dall´art. 7 del Dlgs 196/2003 (in calce). Allo stesso modo può chiedere l´origine dei dati, la correzione, l´aggiornamento o l´integrazione dei dati inesatti o incompleti, ovvero la cancellazione o il blocco per quelli trattati in violazione di legge, o ancora opporsi al loro utilizzo per motivi legittimi da evidenziare nella richiesta. L´interessato può esercitare tali diritti, nonché richiedere ogni ulteriore informazione nel merito del trattamento svolto, scrivendo al Responsabile interno presso la nostra sede o a: redazione@ticweb.it


OPZIONE ISCRIZIONE NEWSLETTER

Oltre a quanto sopra esposto, previa Sua esplicita richiesta e manifestazione di libero e facoltativo consenso, la Ditta Tic Web Tv, fino alla revoca dello stesso, perseguirà il fine di inviarle informazioni commerciali a mezzo dell´indirizzo e-mail da Lei indicato. Lei potrà revocare il consenso fornito per tali finalità in qualsiasi momento contattando il titolare o il responsabile indicato. Il consenso per il trattamento e la finalità di cui al presente punto non è obbligatorio. A seguito di un eventuale diniego i Suoi dati saranno unicamente trattati per le sole finalità indicate nella scheda informativa.


Art. 7 d.lgs 196/03
Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti

1. L´interessato ha diritto di ottenere la conferma dell´esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

2. L´interessato ha diritto di ottenere l´indicazione:
a) dell´origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell´art. 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

3. L´interessato ha diritto di ottenere:
a) l´aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l´integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l´attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestatamene sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

4. L´interessato ha diritto ad opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano ai fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Informativa privacy aggiornata il 12/07/2023 08:31
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie