21 Aprile 2024
News
percorso: Home > News > SINDACALE

Ivrea: esuberi per Vodafone. Dipendenti e Sindacati in fermento

20-04-2023 02:13 - SINDACALE
Ivrea (TO). Di Redazione. Settimane di preoccupazione per i

lavoratori Vodafone di tutta Italia,

e non fanno eccezione quelli di Ivrea, che, da qualche settimana,

sono venuti a conoscenza del fatto che l'azienda abbia dichiarato una previsione di esuberi.

Da qualche anno, la nota compagnia telefonica, subentrata agli inizi del 2000 alla

Omnitel,

che da metà anni '90 aveva garantito centinaia di posti di lavoro a giovani eporediesi, e non solo, ha applicato procedure di riduzione del personale, tra cui buoni incentivi in denaro per il licenziamento volontario. Da qualche tempo, ad Ivrea, le voci di presunte dichiarazioni di esubero aleggiavano nell'aria, ma nessuno immaginava che la situazione potesse essere così grave. Da un comunicato unitario delle organizzazioni sindacali (Slc Cgil FisTel Cisl, Uilcom Uil, Ugl Telecomunicazioni), nella giornata del 12 Aprile, Vodafone ha avviato la procedura di licenziamento collettivo per riduzione del personale per un numero di 1003 addetti su una platea complessiva di 5598 lavoratori. Dopo due incontri tra Organizzazioni Sindacali e rappresentanti aziendali, in cui si sono registrate profonde distanze tra le parti, Vodafone Italia ha deciso, attraverso l'avvio di questa procedura, di proseguire il suo piano di ristrutturazione. «La crisi sistemica del settore non può essere gestita esclusivamente azienda per azienda, unicamente attraverso misure di incentivazione all'esodo e ammortizzatori sociali – hanno ribadito le OO.SS – Servono interventi strutturali e sistemici, che non sono più ricercabili ed individuabili nella sola contrattazione aziendale. Gli accordi di riorganizzazione e ristrutturazione all'interno delle aziende del settore delle TLC, se non accompagnati da misure straordinarie da parte del Governo, sono solo un mero strumento di rallentamento della fine del comparto. Per questo, con forza, è stato richiesto, da parte del Sindacato l'apertura di un confronto per individuare tutte quelle azioni e misure strutturali (investimenti e formazione costante) per dare stabilità nel lungo periodo, e superare questa crisi di settore che diversamente rischia, di impoverire sempre più un settore strategico come quello delle telecomunicazioni». Proprio per questo, nei giorni scorsi, a conferma della determinazione delle OO.SS., sono state aperte le procedure di raffreddamento con Asstel: «Per una grande mobilitazione di settore e conseguente sciopero, qualora non arrivassero le giuste risposte a quanto da mesi s i richiede e sollecita a gran voce – hanno dichiarato - Le eccedenze di Vodafone, non sono reali esuberi derivanti dalla carenza di lavoro, sono la risposta aziendale alla contrazione dei ricavi perseguendo la riduzione del costo del lavoro. La procedura di licenziamento notificata ne è la dimostrazione tangibile, con una suddivisione delle eccedenze in riferimento a settori e sedi, incoerente rispetto ai veri fabbisogni, ma esclusivamente dettati da un taglio lineare dei costi. Emerge, anche, il chiaro intento di andare a colpire in maniera indiscriminata quelle lavoratrici e quei lavoratori, riqualificati e ri-professionalizzati per effetto dell'impianto virtuoso della contrattazione di anticipo che ha caratterizzato gli accordi sindacali negli ultimi anni e che adesso risulta superata se non si interviene con vere misure di sistema da parte del Governo. Questa procedura mira a colpire le fondamenta del percorso che le parti avevano realizzato, attraverso accordi di prospettiva e non impattanti su salario e diritti delle lavoratrici e dei lavoratori. Aver individuato esuberi anche in quei reparti operanti su attività oggetto di re-internalizzazione dimostra la totale miopia di una azienda che mostra chiaramente il becero obiettivo di dismettere, tagliando costi, piuttosto che investire e valorizzare le professionalità interne. Ancor più stridenti le numeriche di “efficienze” con % molto pesanti in alcuni reparti, quando prima di qualunque altra azione, è, e sarà, indispensabile mappare l'utilizzo di Consulenti, anche Intragruppo Vodafone. La procedura di licenziamento avviata manifesta palesemente una Vodafone che naviga a vista, senza alcun obiettivo strategico ed industriale. Quanto finora denunciato, si rende ancor più evidente facendo riferimento alla gara Consip, per la fornitura di servizi di telefonia mobile e servizi connessi e opzionali per tutta la Pubblica Amministrazione. Considerato il pesante ribasso offerto da Vodafone, non vorremmo che l'azienda piuttosto che puntare alla valorizzazione delle risorse umane in forza, puntasse a trasformarsi in una stazione appaltante ricercando fornitori con manodopera a basso costo. Non sarà il ricatto occupazionale a metter fretta, nella ricerca delle soluzioni più congrue per salvaguardare la piena occupazione. Le soluzioni che si andranno ad individuare dovranno avere una chiara prospettiva nel tempo, e non potranno prescindere da un importante piano formativo finalizzato alla riconversione professionale verso quelle nuove attività che il mercato ed il settore richiedono. Il tutto all'interno di un contesto regolatorio che metta in sicurezza il settore, i 120 mila addetti che operano nel mondo delle telecomunicazioni, e tutto il sistema dell'indotto e degli appalti. La procedura è lunga, ha una durata di 75 giorni, e le organizzazioni sindacali sfrutteranno tutto il tempo messo a disposizione dalla norma per ricercare le soluzioni a tutela del lavoro, del salario, della professionalità delle lavoratrici e dei lavoratori di Vodafone Italia, sui tavoli aziendali ma soprattutto sui tavoli di confronto con le Istituzioni. L'attuale Governo non può più sottrarsi dall'affrontare le problematiche ataviche di un settore strategico per il sistema paese, così come han fatto tutti i governi dell'ultimo decennio».
Dal 2007, Vodafone Italia ha avviato procedure di riduzione del personale, come cessione di rami d'azienda, contratti di solidarietà, incentivazione all'uscita, che, in alcuni casi hanno visto i dipendenti reagire, anche mediante cause aziendali, dimostrando l'illegittimità delle procedure (come nel caso della cessione di ramo d'azienda avviata nel 2007 e conclusa con l'ultima vittoria e reintegro dei dipendenti pochi anni fa). Foto di repertorio.

-
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Informativa generica ai sensi dell´art. 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali per raccolta dati tramite internet.

In ottemperanza ai principi di correttezza, legittimità e chiarezza, ai fini di dare effettiva tutela alla Sua riservatezza, ai sensi dell´art. 13, comma 1, del "Codice in materia di protezione dei dati personali", ed in relazione ai dati personali da Lei inviati, Le forniamo le seguenti informazioni.

1. Dati oggetto di trattamento: i dati personali oggetto di trattamento sono quelli indicati nel modulo da Lei compilato nella pagina web di registrazione. Si tratta di dati personali facoltativamente conferiti in occasione della interazione di cui si intende essere parte. I dati oggetto di trattamento sono generalmente di natura comune. Nell´eventualità in cui l´interessato dovesse facoltativamente segnalare dati di natura sensibile (mai richiesti) si segnala che i suddetti dati saranno trattati nel rispetto delle particolari cautele definite dal codice privacy (d.lgs 196/03).

2. Finalità del trattamento: il trattamento dei dati personali da Lei liberamente forniti persegue le finalità funzionali all´organizzazione, gestione e partecipazione all´attività e ai servizi offerti di cui intende usufruire, ivi incluse le comunicazioni che si rendessero necessarie al fine di fornirle informazioni riguardanti le modalità di partecipazione. I dati saranno trattati per dare esecuzione a obblighi contrattuali o per adempiere a Sue specifiche richieste. I dati potranno essere archiviati al fine di mantenere i riferimenti e per garantire una adeguata efficienza in caso di eventuali contatti successivi o reclami. I dati personali conferiti potranno essere trattati per la gestione di eventuali contenziosi e per adempiere agli obblighi previsti da leggi, regolamenti o normative comunitarie, nonché da disposizioni delle autorità competenti.


3. Modalità del trattamento: il trattamento sarà svolto con strumenti elettronici e manuali da parte di personale e collaboratori appositamente incaricati in modo da garantire la loro sicurezza e riservatezza. Alcuni trattamenti potranno essere gestiti anche da soggetti terzi, con sede in Italia e/o all´estero, ai quali la nostra società affida talune attività, integralmente o in parte, funzionali alla fornitura dei servizi sopra citati. I soggetti terzi, designati quali responsabili esterni del trattamento, ricevono opportune istruzioni per garantire la riservatezza dei dati e la loro sicurezza. I soggetti terzi sopra citati sono inclusi principalmente nelle seguenti categorie: Società e studi di consulenza in materia di marketing, fornitori di servizi tecnologici, ecc... (l´elenco è disponibile presso i nostri uffici). E´ esclusa la cessione a terzi per finalità diverse ed i dati personali raccolti non saranno diffusi. Il trattamento avrà una durata non superiore a quella necessaria alle finalità per i quali i dati sono stati raccolti sempre in ottemperanza agli obblighi di natura civilistica, fiscale e tributaria vigenti.


4. Facoltatività del conferimento dei dati: il rilascio dei dati è facoltativo. Un eventuale mancato conferimento dei dati provocherà l´impossibilità di usufruire in tutto o in parte di quanto richiesto.

5. Titolare: Titolare del trattamento è la Ditta Tic Web Tv con sede in Piazza Mascagni n. 9 ad Ivrea (TO) CAP 10015


6. Diritti: lei ha diritto di accedere in ogni momento ai dati che la riguardano e di esercitare gli altri diritti previsti dall´art. 7 del Dlgs 196/2003 (in calce). Allo stesso modo può chiedere l´origine dei dati, la correzione, l´aggiornamento o l´integrazione dei dati inesatti o incompleti, ovvero la cancellazione o il blocco per quelli trattati in violazione di legge, o ancora opporsi al loro utilizzo per motivi legittimi da evidenziare nella richiesta. L´interessato può esercitare tali diritti, nonché richiedere ogni ulteriore informazione nel merito del trattamento svolto, scrivendo al Responsabile interno presso la nostra sede o a: redazione@ticweb.it


OPZIONE ISCRIZIONE NEWSLETTER

Oltre a quanto sopra esposto, previa Sua esplicita richiesta e manifestazione di libero e facoltativo consenso, la Ditta Tic Web Tv, fino alla revoca dello stesso, perseguirà il fine di inviarle informazioni commerciali a mezzo dell´indirizzo e-mail da Lei indicato. Lei potrà revocare il consenso fornito per tali finalità in qualsiasi momento contattando il titolare o il responsabile indicato. Il consenso per il trattamento e la finalità di cui al presente punto non è obbligatorio. A seguito di un eventuale diniego i Suoi dati saranno unicamente trattati per le sole finalità indicate nella scheda informativa.


Art. 7 d.lgs 196/03
Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti

1. L´interessato ha diritto di ottenere la conferma dell´esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

2. L´interessato ha diritto di ottenere l´indicazione:
a) dell´origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell´art. 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

3. L´interessato ha diritto di ottenere:
a) l´aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l´integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l´attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestatamene sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

4. L´interessato ha diritto ad opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano ai fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Informativa privacy aggiornata il 12/07/2023 08:31
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie