23 Luglio 2024
News
percorso: Home > News > ATTUALITA´

L´Ucraina vista dalla Russia

17-03-2015 11:28 - ATTUALITA´
Mondo (Mosca) di Giada Verre. È tuttora in corso il conflitto, iniziato il 6 Aprile 2014, nelle regioni Orientali dell´Ucraina. Le origini della guerra risalgono al Dicembre 2013, quando l´allora presidente Viktor Yanukovich, filorusso, decise di non firmare l´accordo di associazione con l´Europa che avrebbe segnato il primo passo per l´ingresso dell´Ucraina nell´Unione Europea, allontanandosi quindi dall´influenza russa. In seguito a tale rifiuto iniziarono immediatamente le proteste in piazza Maidan (manifestanti di Euromaidan) a Kiev, dove la componente filo-europea è molto forte; le proteste sfociarono in violenza in svariate occasioni, in particolare dopo la decisione di Yanukovich di varare misure repressive per coloro che sarebbero scesi in piazza. Il 22 febbraio il presidente Ucraino fuggì in Russia, e l´ex primo ministro Julia Timoshenko venne liberata dal carcere e si mise a capo delle proteste. Nel frattempo le zone orientali, filo-russe, iniziarono le proteste per allontanarsi dalla sfera Europea; i primi a ribellarsi furono gli abitanti della Crimea, appoggiati da Putin, che inviò soldati per sostenere la ribellione, e il 16 Marzo un plebiscito sancì il passaggio della Crimea dall´Ucraina alla Russia, prima annessione territoriale in Europa da moltissimi anni. Tale annessione spinse le regioni orientali a prendere le armi e proclamare l´indipendenza da Kiev nella speranza di venire annesse alla Russia. Secondo le fonti ufficiali il conflitto scoppiò il 6 Aprile, quando dei manifestanti armati si impadronirono di alcuni palazzi governativi dell´Ucraina orientale, nelle regioni di Donetsk, Luhansk e Khariv. Dall´inizio della guerra sono state due le repubbliche che si sono dichiarate indipendenti: la Repubblica Popolare di Donetsk, e la Repubblica Popolare di Lugansk. Il presidente eletto Poroshenko lanciò l´operazione anti-terrorismo, schierando le forze armate di Kiev contro i ribelli, nel tentativo di riprendere il controllo delle zone conquistate dai filorussi. Durante l´estate la situazione peggiorò ulteriormente, il numero dei morti salì di giorno in giorno, e i ribelli continuarono la loro avanzata nonostante un colloquio tra Putin e Poroshenko che sembrava portare verso un cessate il fuoco bilaterale. Tra il 22 e il 25 agosto, l´artiglieria russa, il suo personale e un convoglio umanitario, sono stati segnalati da ufficiali della NATO per aver attraversato il confine in territorio ucraino, senza il permesso del governo locale. Sconfinamenti si sono verificati sia in zone sotto il controllo delle forze filo-russe sia nelle aree che non erano sotto il loro controllo, come ad esempio la parte sud-orientale dell´Oblast di Donetsk, nei pressi di Novoazovsk. Il 28 Agosto la Nato pubblicò foto satellitari che dimostrerebbero come le forze russe abbiano aiutato i ribelli, impegnandosi in operazioni militari al confine con l´Ucraina, e partecipando alle battaglie per l´indipendenza di quella che lo stesso Putin ha chiamato "nuova Russia". Nonostante i numerosi cessate il fuoco in Ucraina le ostilità sono continuate, celate all´attenzione dei media internazionali. In seguito a sanzioni nei confronti della Russia e a varie tregue, dal 15 Febbraio 2015 è in vigore un cessate il fuoco, accordo raggiunto a Minsk l´11 Febbraio, durante il quale è inoltre stato concordato il ritiro delle armi pesanti dal confine Ucraino. Nonostante il vertice di Minsk, il presidente Poroshenko denuncia Mosca, sostenendo che subito dopo la firma dell´accordo, la Russia ha lanciato un´offensiva in territorio Ucraino. La situazione è tuttora instabile, nonostante siano stati fatti dei passi avanti verso la pace. Tanto è stato detto riguardo a questo conflitto, supposizioni e teorie, che ritraggono l´Ucraina Orientale come il teatro di guerra del secondo capitolo della Guerra Fredda, in cui gli Stati Uniti svolgono un ruolo principale. Tanto è stato detto, ma come per ogni guerra, le manovre politiche ed economiche vengono sempre attuate alle spese di altri, di coloro che hanno versato sangue in nome di una guerra voluta dai potenti; il numero delle vittime in Ucraina è altissimo, si stima che siano rimaste uccise o ferite almeno 30mila persone. Durante le operazioni anti-terrorismo ordinate da Poroshenko, nelle regioni orientali migliaia di civili sono deceduti sotto il fuoco di Kiev, mentre continuavano gli scontri tra i ribelli e l´esercito ucraino. Quella in Ucraina è una guerra civile, fratelli che sparano a fratelli, le notizie provenienti dalle zone di guerra ricordano quelle ascoltate 20 anni fa, quando un simile conflitto civile veniva combattuto nei territori della ex-Jugoslavia. Nonostante i continui interventi dei leader politici mondiali per evitare il ripetersi di un tale disastro, la situazione in Ucraina rimane critica. Durante i due mesi passati a Mosca, ho avuto modo di assistere ad una manifestazione vicino alla Piazza Rossa, durante la quale centinaia di persone hanno sfilato mostrando, oltre a manifesti contro la guerra, cartelloni anti Maidan e anti Obama. Il parere russo sulla questione Ucraina è forte e chiaro, com´è forte il senso di appartenenza alla "Madre Russia" che lotta contro il fascismo, e che chiede ai fratelli Ucraini di farne parte. Il nazionalismo tocca livelli altissimi, e la fedeltà al proprio presidente è molto sentita. Durante le lezioni a cui ho assistito, l´argomento della guerra in Ucraina è stato trattato più volte, sempre con freddezza, sempre con una sorta di superficialità, quasi non si voglia esporsi troppo. Sempre durante il mio soggiorno Moscovita, ho conosciuto una ragazza, Italiana come me, che mi ha raccontato di essere stata a Mariupol (città natale del suo compagno) poco prima che scoppiasse la guerra. "Sua nonna è ancora là" racconta, "Farla entrare in Italia adesso è impensabile, non possono uscire di casa; lei vive in cantina, senza elettricità né acqua". L´Ucraina è attualmente un paese diviso, un paese in cui l´odio tra fratelli ha dilagato, fomentato dalle grandi potenze, che si contendono il paese come fosse un giocattolo, in un´antica gara in cui vince il più forte a spese di migliaia di innocenti.





-
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Informativa generica ai sensi dell´art. 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali per raccolta dati tramite internet.

In ottemperanza ai principi di correttezza, legittimità e chiarezza, ai fini di dare effettiva tutela alla Sua riservatezza, ai sensi dell´art. 13, comma 1, del "Codice in materia di protezione dei dati personali", ed in relazione ai dati personali da Lei inviati, Le forniamo le seguenti informazioni.

1. Dati oggetto di trattamento: i dati personali oggetto di trattamento sono quelli indicati nel modulo da Lei compilato nella pagina web di registrazione. Si tratta di dati personali facoltativamente conferiti in occasione della interazione di cui si intende essere parte. I dati oggetto di trattamento sono generalmente di natura comune. Nell´eventualità in cui l´interessato dovesse facoltativamente segnalare dati di natura sensibile (mai richiesti) si segnala che i suddetti dati saranno trattati nel rispetto delle particolari cautele definite dal codice privacy (d.lgs 196/03).

2. Finalità del trattamento: il trattamento dei dati personali da Lei liberamente forniti persegue le finalità funzionali all´organizzazione, gestione e partecipazione all´attività e ai servizi offerti di cui intende usufruire, ivi incluse le comunicazioni che si rendessero necessarie al fine di fornirle informazioni riguardanti le modalità di partecipazione. I dati saranno trattati per dare esecuzione a obblighi contrattuali o per adempiere a Sue specifiche richieste. I dati potranno essere archiviati al fine di mantenere i riferimenti e per garantire una adeguata efficienza in caso di eventuali contatti successivi o reclami. I dati personali conferiti potranno essere trattati per la gestione di eventuali contenziosi e per adempiere agli obblighi previsti da leggi, regolamenti o normative comunitarie, nonché da disposizioni delle autorità competenti.


3. Modalità del trattamento: il trattamento sarà svolto con strumenti elettronici e manuali da parte di personale e collaboratori appositamente incaricati in modo da garantire la loro sicurezza e riservatezza. Alcuni trattamenti potranno essere gestiti anche da soggetti terzi, con sede in Italia e/o all´estero, ai quali la nostra società affida talune attività, integralmente o in parte, funzionali alla fornitura dei servizi sopra citati. I soggetti terzi, designati quali responsabili esterni del trattamento, ricevono opportune istruzioni per garantire la riservatezza dei dati e la loro sicurezza. I soggetti terzi sopra citati sono inclusi principalmente nelle seguenti categorie: Società e studi di consulenza in materia di marketing, fornitori di servizi tecnologici, ecc... (l´elenco è disponibile presso i nostri uffici). E´ esclusa la cessione a terzi per finalità diverse ed i dati personali raccolti non saranno diffusi. Il trattamento avrà una durata non superiore a quella necessaria alle finalità per i quali i dati sono stati raccolti sempre in ottemperanza agli obblighi di natura civilistica, fiscale e tributaria vigenti.


4. Facoltatività del conferimento dei dati: il rilascio dei dati è facoltativo. Un eventuale mancato conferimento dei dati provocherà l´impossibilità di usufruire in tutto o in parte di quanto richiesto.

5. Titolare: Titolare del trattamento è la Ditta Tic Web Tv con sede in Piazza Mascagni n. 9 ad Ivrea (TO) CAP 10015


6. Diritti: lei ha diritto di accedere in ogni momento ai dati che la riguardano e di esercitare gli altri diritti previsti dall´art. 7 del Dlgs 196/2003 (in calce). Allo stesso modo può chiedere l´origine dei dati, la correzione, l´aggiornamento o l´integrazione dei dati inesatti o incompleti, ovvero la cancellazione o il blocco per quelli trattati in violazione di legge, o ancora opporsi al loro utilizzo per motivi legittimi da evidenziare nella richiesta. L´interessato può esercitare tali diritti, nonché richiedere ogni ulteriore informazione nel merito del trattamento svolto, scrivendo al Responsabile interno presso la nostra sede o a: redazione@ticweb.it


OPZIONE ISCRIZIONE NEWSLETTER

Oltre a quanto sopra esposto, previa Sua esplicita richiesta e manifestazione di libero e facoltativo consenso, la Ditta Tic Web Tv, fino alla revoca dello stesso, perseguirà il fine di inviarle informazioni commerciali a mezzo dell´indirizzo e-mail da Lei indicato. Lei potrà revocare il consenso fornito per tali finalità in qualsiasi momento contattando il titolare o il responsabile indicato. Il consenso per il trattamento e la finalità di cui al presente punto non è obbligatorio. A seguito di un eventuale diniego i Suoi dati saranno unicamente trattati per le sole finalità indicate nella scheda informativa.


Art. 7 d.lgs 196/03
Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti

1. L´interessato ha diritto di ottenere la conferma dell´esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

2. L´interessato ha diritto di ottenere l´indicazione:
a) dell´origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell´art. 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

3. L´interessato ha diritto di ottenere:
a) l´aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l´integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l´attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestatamene sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

4. L´interessato ha diritto ad opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano ai fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Informativa privacy aggiornata il 12/07/2023 08:31
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie