25 Aprile 2024
News
percorso: Home > News > CRONACA

Terrorismo in Val Susa, blitz della Digos. Ritorna la strategia della tensione, tra gli arrestati anche un eporediese.

18-12-2013 20:32 - CRONACA
Torino (TO), di Lina Pasca. L´accusa è di quelle che fanno paura, che riportano ad anni lontani, ad anni di lotte, omicidi, sangue e terrore. Un´accusa che ci scaraventa indietro nel tempo, agli Anni di Piombo, a bombe, stragi, e morti di Stato. Ma non siamo negli anni ´70, non stiamo parlando di Brigate Rosse, né di Moro, e neanche dei fratelli Mattei arsi vivi nel rogo di Primavalle. Stiamo parlando della Val Susa, una splendida valle immersa in uno degli angoli più suggestivi del Piemonte, abitata da gente semplice ed onesta. Una zona diventata, suo malgrado, teatro di manifestazioni violente e finita col trasformarsi in vittima e carnefice di una protesta snaturata dal suo fine originario. Si Tav-No Tav. A distanza di vent´anni dalla sua nascita, quello che doveva essere un movimento di contestazione contro la realizzazione di infrastrutture per l´alta velocità ferroviaria, ha perso la sua connotazione primaria. La messa in opera della linea ferroviaria Torino-Lione, al centro del dibattito, costituisce oggi una forte valenza politica a prescindere dalla giustezza o l´infondatezza delle opinioni tecniche in merito. Gli investimenti finanziari per la realizzazione della mega opera sarebbero, secondo i No-Tav, sproporzionati rispetto alla sua realistica utilità, restando in sostanza sottoutilizzata. Territori montani di illibata bellezza deturpati e un meraviglioso pezzo di Piemonte sfregiato, "solo" per garantire appalti milionari alla grande imprenditoria, con la complicità della classe politica compiacente. Una gestione inadeguata della spesa pubblica e del territorio a vantaggio di pochi? Chissà. Ma non per chi la Tav la vuole, per chi sostiene che la grande linea ferroviaria sia capace di sostituire il traffico di auto e aerei, decongestionando le ordinarie vie di comunicazione. Fin qui solo la normale cronaca di una storia, se non fosse per il fatto che l´originaria protesta si è modificata nel tempo. Un´intera valle ha "assorbito" malcontenti generalizzati - avulsi dal progetto Tav - ed ha finito con l´ospitare, suo malgrado, "estranei" dissidenti mossi dalle peggiori intenzioni. Non più pacifici abitanti della Val Susa che dicono no a una linea ferroviaria, ma masse eterogenee di contestatori che si ribellano a un uso smoderato dei soldi dei contribuenti, e, come da copione, gruppi di facinorosi provenienti da tutt´ Italia. Qual´è dunque la verità oggettiva sull´Alta Velocità in Piemonte? Ad oggi e a distanza di anni dal sorgere delle originarie proteste, non lo sappiamo. Ma sappiamo molto altro. La Val Susa è finita col diventare teatro di violenze di matrice politica e attentati terroristici. Sì, perché è proprio di attentato con finalità di terrorismo l´accusa mossa dai pm Andrea Padalino e Antonio Rinaudo nei confronti di quattro persone arrestate, nei giorni scorsi, dalla Digos di Torino e di Milano. Un gruppo di sovversivi, tra cui un eporediese, resisi responsabili di gravi episodi di violenza. I fatti risalgono alla notte tra il 13 e il 14 maggio scorso quando Claudio Alberto, 23enne di Ivrea, Mattia Zanotti, 29enne di Milano, Chiara Zenobi, 41enne di Teramo residente a Torino e Niccolo Blasi, marchigiano ma anch´egli residente a Torino, presero d´assalto il cantiere di Chiomonte lanciando oggetti e petardi. Le ipotesi di reato contro i quattro anarchici sono attentato con finalità terroristiche, atto di terrorismo con ordigni micidiali ed esplosivi, danneggiamento e detenzione di armi da guerra. Quella notte, un gruppo di circa trenta persone legate all´area anarco-insurrezionalista arrivò dal bosco della Val Clarea e attaccò il cantiere del tunnel. I dissidenti, vestiti di nero e col volto coperto, assaltarono, con razzi lanciati da un mortaio rudimentale, bengala e pietre, bombe carta e bottiglie incendiarie, quattro cancelli del cantiere. Divamparono incendi e solo il caso evitò che qualcuno, tra le forze dell´ordine e gli operai, si ferisse. Non fu una manifestazione come le altre quella di maggio, ma un´azione criminale pianificata, organizzata con vedette e gruppi d´assalto e portata avanti con strategia terroristica. "La lotta violenta contro il Tav è un attacco alla legalità democratica, un tentativo di piegare lo Stato italiano e di delegittimare le sue decisioni. Ed è anche per questo che l´accusa, adesso, non può che essere di terrorismo". Sono queste le drammatiche parole di Federica Bompieri, gip del tribunale di Torino, che motiva così l´arresto dei quattro anarchici. Parole pesanti che riportano agli anni della tensione e che inducono il procuratore capo di Torino, Gian Carlo Caselli, a dire che la questione è diventata articolata e difficile, con implicazioni economiche e politiche importanti. Una questione talmente complicata da non poter essere delegata solo a magistratura e polizia. La deriva sempre più oltranzista delle battaglie No Tav è sotto gli occhi di tutti. Non solo gli attacchi al cantiere, ma anche minacce agli imprenditori, ai giornalisti, ai magistrati e ai politici favorevoli all´opera, la diffusione di "stampa clandestina" e i sabotaggi, sono la dimostrazione che è in atto la volontà di creare un clima di insicurezza. "Una strategia - secondo il gip Bompieri - che portata a livelli di esasperazione, è idonea a diffondere sfiducia e a minare la credibilità delle istituzioni". Si vive il presente e si guarda al futuro, ma la strategia della tensione è quella del passato. Stesse disegni criminali, stessa violenza. Se questo non è terrorismo, allora, cos´è?

-
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Informativa generica ai sensi dell´art. 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali per raccolta dati tramite internet.

In ottemperanza ai principi di correttezza, legittimità e chiarezza, ai fini di dare effettiva tutela alla Sua riservatezza, ai sensi dell´art. 13, comma 1, del "Codice in materia di protezione dei dati personali", ed in relazione ai dati personali da Lei inviati, Le forniamo le seguenti informazioni.

1. Dati oggetto di trattamento: i dati personali oggetto di trattamento sono quelli indicati nel modulo da Lei compilato nella pagina web di registrazione. Si tratta di dati personali facoltativamente conferiti in occasione della interazione di cui si intende essere parte. I dati oggetto di trattamento sono generalmente di natura comune. Nell´eventualità in cui l´interessato dovesse facoltativamente segnalare dati di natura sensibile (mai richiesti) si segnala che i suddetti dati saranno trattati nel rispetto delle particolari cautele definite dal codice privacy (d.lgs 196/03).

2. Finalità del trattamento: il trattamento dei dati personali da Lei liberamente forniti persegue le finalità funzionali all´organizzazione, gestione e partecipazione all´attività e ai servizi offerti di cui intende usufruire, ivi incluse le comunicazioni che si rendessero necessarie al fine di fornirle informazioni riguardanti le modalità di partecipazione. I dati saranno trattati per dare esecuzione a obblighi contrattuali o per adempiere a Sue specifiche richieste. I dati potranno essere archiviati al fine di mantenere i riferimenti e per garantire una adeguata efficienza in caso di eventuali contatti successivi o reclami. I dati personali conferiti potranno essere trattati per la gestione di eventuali contenziosi e per adempiere agli obblighi previsti da leggi, regolamenti o normative comunitarie, nonché da disposizioni delle autorità competenti.


3. Modalità del trattamento: il trattamento sarà svolto con strumenti elettronici e manuali da parte di personale e collaboratori appositamente incaricati in modo da garantire la loro sicurezza e riservatezza. Alcuni trattamenti potranno essere gestiti anche da soggetti terzi, con sede in Italia e/o all´estero, ai quali la nostra società affida talune attività, integralmente o in parte, funzionali alla fornitura dei servizi sopra citati. I soggetti terzi, designati quali responsabili esterni del trattamento, ricevono opportune istruzioni per garantire la riservatezza dei dati e la loro sicurezza. I soggetti terzi sopra citati sono inclusi principalmente nelle seguenti categorie: Società e studi di consulenza in materia di marketing, fornitori di servizi tecnologici, ecc... (l´elenco è disponibile presso i nostri uffici). E´ esclusa la cessione a terzi per finalità diverse ed i dati personali raccolti non saranno diffusi. Il trattamento avrà una durata non superiore a quella necessaria alle finalità per i quali i dati sono stati raccolti sempre in ottemperanza agli obblighi di natura civilistica, fiscale e tributaria vigenti.


4. Facoltatività del conferimento dei dati: il rilascio dei dati è facoltativo. Un eventuale mancato conferimento dei dati provocherà l´impossibilità di usufruire in tutto o in parte di quanto richiesto.

5. Titolare: Titolare del trattamento è la Ditta Tic Web Tv con sede in Piazza Mascagni n. 9 ad Ivrea (TO) CAP 10015


6. Diritti: lei ha diritto di accedere in ogni momento ai dati che la riguardano e di esercitare gli altri diritti previsti dall´art. 7 del Dlgs 196/2003 (in calce). Allo stesso modo può chiedere l´origine dei dati, la correzione, l´aggiornamento o l´integrazione dei dati inesatti o incompleti, ovvero la cancellazione o il blocco per quelli trattati in violazione di legge, o ancora opporsi al loro utilizzo per motivi legittimi da evidenziare nella richiesta. L´interessato può esercitare tali diritti, nonché richiedere ogni ulteriore informazione nel merito del trattamento svolto, scrivendo al Responsabile interno presso la nostra sede o a: redazione@ticweb.it


OPZIONE ISCRIZIONE NEWSLETTER

Oltre a quanto sopra esposto, previa Sua esplicita richiesta e manifestazione di libero e facoltativo consenso, la Ditta Tic Web Tv, fino alla revoca dello stesso, perseguirà il fine di inviarle informazioni commerciali a mezzo dell´indirizzo e-mail da Lei indicato. Lei potrà revocare il consenso fornito per tali finalità in qualsiasi momento contattando il titolare o il responsabile indicato. Il consenso per il trattamento e la finalità di cui al presente punto non è obbligatorio. A seguito di un eventuale diniego i Suoi dati saranno unicamente trattati per le sole finalità indicate nella scheda informativa.


Art. 7 d.lgs 196/03
Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti

1. L´interessato ha diritto di ottenere la conferma dell´esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

2. L´interessato ha diritto di ottenere l´indicazione:
a) dell´origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell´art. 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

3. L´interessato ha diritto di ottenere:
a) l´aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l´integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l´attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestatamene sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

4. L´interessato ha diritto ad opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano ai fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Informativa privacy aggiornata il 12/07/2023 08:31
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie