24 Maggio 2024
News
percorso: Home > News > POLITICA

Consiglio: minoranza approva, ma maggioranza boccia. E' scontro

29-06-2023 04:44 - POLITICA
Ivrea (TO). Di Redazione. Si è svolto lunedì 26 giugno il

secondo Consiglio comunale della nuova Giunta,

che non è stato esente da polemiche, nei giorni successivi, per via di un presunto di mancato “fair-play” tra i gruppi di maggioranza e minoranza. E' noto che il gruppo consigliare Viviamo Ivrea ha riportato una mozione, già presentata alla precedente amministrazione, per «l'adesione alla dichiarazione di emergenza climatica». La medesima è stata firmata da tutti i gruppi di maggioranza, ma ha visto il voto favorevole anche di tutti i gruppi d'opposizione, essendo così stata approvata all'unanimità, con estrema soddisfazione da parte dei promotori, che hanno anche ringraziato tutti, sottolineando: «E' un traguardo importante, perché finalmente maggioranza e minoranza si trovano unite su un tema che dovremo affrontare insieme nei prossimi 5 anni – hanno scritto – Lo affronteremo con spirito di collaborazione e propositività, per fare del Comune di Ivrea un capofila nella lotta al cambiamento climatico e un esempio da seguire per altre realtà». Fin qui tutto bene, o almeno fino a quando non è successivamente stata approvata una mozione dell'opposizione, che richiedeva delucidazioni sui progetti del PNRR, soprattutto visto che proprio due componenti principali di Progetto Ivrea, Elisabetta Piccoli e Michele Cafarelli, si erano spesi tanto nella precedente amministrazione, in veste di vicesindaco/assessore al bilancio e assessore competente, proprio per quanto riguarda i

progetti del PNRR.

Fatto ancor più strano per chi, seguendo l'intero Consiglio Comunale, avrebbe sentito più volte il sindaco e i consiglieri di maggioranza, invitare la minoranza a «fare sì opposizione, ma in maniera costruttiva e nell'ottica di collaborazione per il bene della città», a quanto pare persino da chi, a parti inverse, in ogni Consiglio Comunale intavolava lunghissimi contraddittori. Cos'è successo dunque? A spiegarlo, visibilmente amareggiata, è stata la capogruppo della lista civica Progetto Ivrea,

Elisabetta Piccoli: «E' una brutta pagina della politica, per come è terminato il Consiglio Comunale del 26 giugno scorso – ha dichiarato – Purtroppo, la maggioranza, di cui fa parte Viviamo Ivrea, non ha riservato lo stesso trattamento sulla mozione presentata dalla minoranza. I consiglieri di minoranza, di cui faccio parte, si sono impegnati ad emendare il testo presentato da Viviamo Ivrea, per approvarlo all'unanimità, mentre, a parti inverse, la maggioranza ha prima tentato di censurare la mozione delle opposizioni e non portarla neppure in discussione e, successivamente, in Consiglio, senza nemmeno provare ad emendare il testo, ha votato contro. Noi abbiamo espresso, attraverso uno strumento democratico, quale la mozione, la nostra preoccupazione sull'andamento dei numerosi progetti PNRR, date le tempistiche strettissime, richiedendo la convocazione di una Commissione urgente con relazione sull'andamento dei principali progetti e ribadendo l'importanza delle capigruppo.

La minoranza, però, ha votato contro la richiesta di convocare la Commissione Assetto del Territorio, per aggiornare i Consiglieri e i Cittadini sull'andamento dei progetti del PNRR, anche già finanziati per 23.000.000,00 di euro (ventitré milioni di euro), che possono e dovranno cambiare il volto della nostra città. Sono progetti sui quali si è lavorato tantissimo e che possono essere a rischio se non si fa in fretta. Siamo legittimamente preoccupati e questo tema dev'essere portato al più presto in Commissione. Le Commissioni, infatti, sono, ovviamente dopo il Consiglio, la massima espressione della democrazia in Città». Bocciare la mozione: «E' stato come abbassare un po' la luce sulla democrazia, che deve risplendere sempre nella nostra città – ha sottolineato Piccoli – Si voleva semplicemente sapere come stessero procedendo i lavori. La maggioranza, che ha esultato per l'approvazione all'unanimità della propria mozione, non ha mosso un dito per provare, anche modificandola, a far approvare anche la nostra mozione». A questo punto, per dirla con la modalità di un noto collega, la domanda sorge spontanea: «Perché? Per paura di un confronto democratico all'interno delle istituzioni?», ha domandato Piccoli. Ha poi proseguito: «Per me e per il gruppo di cittadini che hanno votato le opposizioni – ricordo che non si è andati al ballottaggio per soli 240 voti – non è stato certo un bel giorno da ricordare. Noi crediamo nell'impegno per la nostra comunità, lo riteniamo un obbligo e gli obblighi morali non scadono mai, sono perpetui. Inoltre, seppur le ultime amministrative abbiano evidenziato un imbarazzante astensionismo (il 48% circa degli aventi diritto al voto), l'amministrazione comunale amministra tutti e a tutti deve dare conto di ciò che succederà a questi progetti del PNRR, persino a coloro che non sono andati a votare. Quindi, aver bocciato questa richiesta, sembrerebbe più che altro una presa di posizione e basta. In che modo intendono giustificare il fatto che loro non adoperino la stessa collaborazione che chiedono a noi della minoranza? A noi stanno chiedendo tempo, pazienza, dicono di non poter pretendere tutto subito, che hanno appena iniziato a governare quindi bisogna essere comprensivi, ma sono tutte cose di cui non ha goduto la precedente amministrazione, a cui non sono stati scontati i 2 anni di pandemia, né il fatto che quando si era insediata le casse erano in rosso e prive di progetti. Per loro erano scuse. Noi, di fatto, dimostriamo con i fatti di voler essere collaborativi, lo stesso intento è effettivamente presente in maggioranza? E, se sì, perché non approvare, anche emendandola una nostra legittima mozione? Speriamo in una risposta, anche in vista del futuro».

-
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Informativa generica ai sensi dell´art. 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali per raccolta dati tramite internet.

In ottemperanza ai principi di correttezza, legittimità e chiarezza, ai fini di dare effettiva tutela alla Sua riservatezza, ai sensi dell´art. 13, comma 1, del "Codice in materia di protezione dei dati personali", ed in relazione ai dati personali da Lei inviati, Le forniamo le seguenti informazioni.

1. Dati oggetto di trattamento: i dati personali oggetto di trattamento sono quelli indicati nel modulo da Lei compilato nella pagina web di registrazione. Si tratta di dati personali facoltativamente conferiti in occasione della interazione di cui si intende essere parte. I dati oggetto di trattamento sono generalmente di natura comune. Nell´eventualità in cui l´interessato dovesse facoltativamente segnalare dati di natura sensibile (mai richiesti) si segnala che i suddetti dati saranno trattati nel rispetto delle particolari cautele definite dal codice privacy (d.lgs 196/03).

2. Finalità del trattamento: il trattamento dei dati personali da Lei liberamente forniti persegue le finalità funzionali all´organizzazione, gestione e partecipazione all´attività e ai servizi offerti di cui intende usufruire, ivi incluse le comunicazioni che si rendessero necessarie al fine di fornirle informazioni riguardanti le modalità di partecipazione. I dati saranno trattati per dare esecuzione a obblighi contrattuali o per adempiere a Sue specifiche richieste. I dati potranno essere archiviati al fine di mantenere i riferimenti e per garantire una adeguata efficienza in caso di eventuali contatti successivi o reclami. I dati personali conferiti potranno essere trattati per la gestione di eventuali contenziosi e per adempiere agli obblighi previsti da leggi, regolamenti o normative comunitarie, nonché da disposizioni delle autorità competenti.


3. Modalità del trattamento: il trattamento sarà svolto con strumenti elettronici e manuali da parte di personale e collaboratori appositamente incaricati in modo da garantire la loro sicurezza e riservatezza. Alcuni trattamenti potranno essere gestiti anche da soggetti terzi, con sede in Italia e/o all´estero, ai quali la nostra società affida talune attività, integralmente o in parte, funzionali alla fornitura dei servizi sopra citati. I soggetti terzi, designati quali responsabili esterni del trattamento, ricevono opportune istruzioni per garantire la riservatezza dei dati e la loro sicurezza. I soggetti terzi sopra citati sono inclusi principalmente nelle seguenti categorie: Società e studi di consulenza in materia di marketing, fornitori di servizi tecnologici, ecc... (l´elenco è disponibile presso i nostri uffici). E´ esclusa la cessione a terzi per finalità diverse ed i dati personali raccolti non saranno diffusi. Il trattamento avrà una durata non superiore a quella necessaria alle finalità per i quali i dati sono stati raccolti sempre in ottemperanza agli obblighi di natura civilistica, fiscale e tributaria vigenti.


4. Facoltatività del conferimento dei dati: il rilascio dei dati è facoltativo. Un eventuale mancato conferimento dei dati provocherà l´impossibilità di usufruire in tutto o in parte di quanto richiesto.

5. Titolare: Titolare del trattamento è la Ditta Tic Web Tv con sede in Piazza Mascagni n. 9 ad Ivrea (TO) CAP 10015


6. Diritti: lei ha diritto di accedere in ogni momento ai dati che la riguardano e di esercitare gli altri diritti previsti dall´art. 7 del Dlgs 196/2003 (in calce). Allo stesso modo può chiedere l´origine dei dati, la correzione, l´aggiornamento o l´integrazione dei dati inesatti o incompleti, ovvero la cancellazione o il blocco per quelli trattati in violazione di legge, o ancora opporsi al loro utilizzo per motivi legittimi da evidenziare nella richiesta. L´interessato può esercitare tali diritti, nonché richiedere ogni ulteriore informazione nel merito del trattamento svolto, scrivendo al Responsabile interno presso la nostra sede o a: redazione@ticweb.it


OPZIONE ISCRIZIONE NEWSLETTER

Oltre a quanto sopra esposto, previa Sua esplicita richiesta e manifestazione di libero e facoltativo consenso, la Ditta Tic Web Tv, fino alla revoca dello stesso, perseguirà il fine di inviarle informazioni commerciali a mezzo dell´indirizzo e-mail da Lei indicato. Lei potrà revocare il consenso fornito per tali finalità in qualsiasi momento contattando il titolare o il responsabile indicato. Il consenso per il trattamento e la finalità di cui al presente punto non è obbligatorio. A seguito di un eventuale diniego i Suoi dati saranno unicamente trattati per le sole finalità indicate nella scheda informativa.


Art. 7 d.lgs 196/03
Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti

1. L´interessato ha diritto di ottenere la conferma dell´esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

2. L´interessato ha diritto di ottenere l´indicazione:
a) dell´origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell´art. 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

3. L´interessato ha diritto di ottenere:
a) l´aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l´integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l´attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestatamene sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

4. L´interessato ha diritto ad opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano ai fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Informativa privacy aggiornata il 12/07/2023 08:31
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie